3D autostereoscopico con una semplice pellicola

Novembre 2009. La pellicola va applicata direttamente sul modulo di retroilluminazione e richiede un display con un refresh rate di almeno 100-120 Hz per ridurre lo sfarfallio delle immagini.

Le creste presenti sulla pellicola di 3M (vedi grafico) deviano la luce e quindi l’immagine agli occhi destro e sinistro ricostruendo l’effetto tridimensionale senza bisogno di occhiali polarizzati e mantenendo la piena risoluzione video del pannello.

Di contro, un sistema di questo tipo richiede una perfetta centratura del punto di visione (angolo di poche decine di gradi) ma, visto che è destinato ad apparecchi portatili come PMP, smartphone e console, non dovrebbe rappresentare un problema.

www.3m.com

Pubblica i tuoi commenti