Agcom, via libera alla consultazione sulla LCN

Giugno 2010. Sulla base dei criteri previsti dalla legge, che attribuisce all'Agcom il compito di predisporre il piano dell'ordinamento automatico dei canali e al Ministero dello Sviluppo Economico quello di assegnare le numerazioni per ciascun programma autorizzato, l'Autorità ha posto a consultazione i seguenti criteri:

- le posizioni da 1 a 9 ai canali generalisti tradizionali;
- le posizioni da 10 a 19 alle emittenti locali ex analogiche di particolare valore e radicamento sul territorio;
- le posizioni da 20 a 70 ai canali digitali nazionali suddivisi per generi di programmazione;
- le posizioni da 71 a 100 alle altre emittenti locali.

Per le posizioni 100-200 verrà ripetuta la stessa sequenza, la numerazione dei canali pay-tv partirà dal 300, le posizioni 500-599 saranno destinate ai canali HD mentre quelle da 600-699 ai servizi radiofonici.
La consultazione servirà, tra l'altro, ad approfondire gli aspetti relativi alle abitudini e preferenze degli utenti.

L'Autorità ha anche previsto l'introduzione per i decoder e i Tv digitali di una modalità di navigazione aggiuntiva rispetto all'ordinamento automatico che consentirà di visualizzare la lista di tutti i canali disponibili suddivisi per genere di programmazione.

www.agcom.it

Pubblica i tuoi commenti