Antenna motorizzata – La parabola non segue i satelliti

Ho installato sul balcone un impianto motorizzato utilizzando un vecchio rotore d’antenna che utilizzavo in passato con l’antenna da radioamatore applicato a una normale antenna parabolica da 100 cm. Il rotore è comandato da un semplice interruttore installato vicino al decoder.
Nonostante vari tentativi, riesco a ricevere bene solo le posizioni centrali della fascia di Clarke come i 13° Est e i 9° Est. Se mi sposto verso Ovest o Est, i segnali spariscono a meno di regolare l’elevazione della parabola. Da quanto ho capito, il problema sta nell’elevazione che non segue l’arco polare dei satelliti. Cosa mi suggerite di fare? Forse mi manca qualche componente?

Simone S.

Per funzionare correttamente, un impianto motorizzato deve essere dotato, oltre che di un motore, anche di un meccanismo comunemente chiamato “polarmount” che consente alla parabola di seguire, nel suo spostamento, l’andamento dell’arco polare sul quale sono collocati i satelliti (fascia di Clarke) variando continuamente l’elevazione. Alle nostre latitudini, l’elevazione è massima intorno ai 10° Est (la parabola guarda verso il cielo) e minima agli estremi Est-Ovest (la parabola guarda l’orizzonte o addirittura più sotto). L’impianto da lei realizzato, non essendo dotato di polarmount, mantiene la stessa elevazione indipendentemente dal valore di azimut, ossia dallo spostamento della parabola da Est a Ovest e viceversa, e perciò non in grado di catturare automaticamente i segnali irradiati da tutti i satelliti “visibili” dall’Italia.
Per ovviare al problema, si potrebbe installare un secondo motore al quale affidare unicamente la regolazione dell’elevazione (da gestire con un posizionatore apposito) oppure realizzare un polarmount “artigianale” adattabile al rotore che consenta anche di regolare la declinazione, ovvero la forma dell’arco “disegnato” durante lo spostamento del disco (più o meno schiacciato). Ovviamente la soluzione più semplice è di procurarsi uno dei tanti motori mono-cavo già dotati di polarmount e comandabili dai decoder digitali che supportano i comandi DiSEqC 1.2 e USALS. Costano poche decine di euro e s’installano meno di 1 ora.

Pubblica i tuoi commenti