B-Tv. Cinque minuti di celebrità

Agosto 2007. In principio fu la leggendaria Factory di Andy Warhol nella New York tardi anni Sessanta. Con la sua galleria di bizzarri personaggi dai nomi improbabili, inquieti e inquietanti, che si muovevano tra party e locali famosi, tesi a conquistarsi i “Cinque minuti di celebrità” di cui parlava il re della pop art Andy Warhol.

Oggi, nell'era degli Used Generated Content arriva B-Tv (www.b-tv.tv), la televisione su Internet che trasmette esclusivamente i filmati degli utenti, offrendo loro la possibilità di essere protagonisti e di avere, per l'appunto, quei “cinque minuti di celebrità” di warholiana memoria.

Su B-Tv si possono inviare video autoprodotti sul tema preferito e con protagonisti scelti personalmente.
Per iniziare a trasmettere, fare spettacolo, giornalismo, televisione o per chi semplicemente vuole apparire e dire la sua basta entrare nella sezione registrati, posta a destra dello schermo, compilare e inviare il form.

La “forma” utilizzata è indifferente: il video può essere anche politicamente non corretto, magari anche “urlato”, oppure disegnato o realizzato stilisticamente con qualche programma per computer.
Insomma, è lasciata ai partecipanti la massima libertà d'espressione.
L'unica regola è che il logo B-Tv compaia su tutti i video.

Gli ideatori della nuova televisione virtuale sono due ragazzi, Bea e Bruno, con il marchio Borotalco in qualità di sponsor ufficiale. I due giovani si sono posti l'obiettivo di dare vita ad un nuovo punto d'incontro virtuale che dà modo agli official reporter di B-Tv di confrontarsi su diverse tematiche, per creare una vera e propria community motivata e attiva e organizzare una redazione capace di realizzare e di stimolare la produzione costante di contenuti.

Pubblica i tuoi commenti