Calcio & Sport, stagione da primato

Ottobre. Dove guardare il Campionato di Calcio di Serie A e la Champions League? E le gare della Formula Uno? Sulla Tv a pagamento oppure sul Digitale terrestre o magari sulla IPTV o sul telefonino?
L'interrogativo che imperversa ogni anno al calare dell'estate, al ritorno in ufficio dopo le meritate vacanze, qualche volta spiazza i potenziali acquirenti, sino, in certi casi, a scoraggiarli dall'intraprendere iniziative.

Il fatto è che l'offerta sul mercato è ormai talmente abbondante e tecnologicamente raffinata, che supera le conoscenze (e la pazienza) dell'utente medio. Il quale, pur mettendoci tutta la buona volontà, corre il rischio di perdersi tra promozioni, differenti opzioni, servizi tecnologicamente avanzati e quant'altro.
Eppure prima di affrettarsi ad aderire ad un'offerta è utile valutare le differenti opzioni, i costi e le tre “filosofie” di approccio alla Tv a pagamento attualmente disponibili sul nostro mercato: abbonamenti, pay-per-view, triple-pay.

La domanda di base alla quale bisogna obbligatoriamente rispondere è quella di capire con esattezza cosa si vuole, in modo da scegliere la modalità più consona al proprio profilo.

In effetti ogni proposta si basa su punti di forza diversi.
SKY, ad esempio, sposa da sempre la filosofia dell'abbonamento insieme all'offerta di una programmazione molto ricca, fruibile via satellite o via IPTV, sulla rete Fastweb o attraverso il pacchetto Alice di Telecom Italia.

Alternative
in pay per view

Per chi invece preferisce un legame meno stretto con l'operatore e un costo variabile in base al numero di eventi acquistati (anche se con un ventaglio di scelta complessivo meno esaustivo), la strada da imboccare è quella della pay-per-view, adottata sulla piattaforma digitale terrestre da Mediaset, attraverso Mediaset Premium, e da La7 (Telecom Italia Media) con La7 Cartapiù.
In questo caso si acquista un singolo evento o mini-pacchetti di eventi, senza necessità di impegnarsi altrimenti con l'operatore, tranne che per l'acquisto di carte ricaricabili attraverso cui si comprano i programmi.

Chi, infine, preferisce un approccio che vada anche oltre la televisione, può imboccare la “terza via”, quella proposta da due operatori telefonici, Telecom Italia e Fastweb, che inseriscono la Tv all'interno di offerte triple-pay (comprendenti cioè: piccolo schermo, Internet e telefonia), proponendo un pacchetto base, ma anche la possibilità di acquistare pay-per-view altri eventi e di accedere all'offerta SKY.

Pubblica i tuoi commenti