Con un’offerta di 40 miliardi di dollari, Comcast vince l’asta per acquisire Sky

Comcast

Salvo un eventuale (ma poco probabile) veto da parte degli azionisti, Sky diventerà proprietà di Comcast. Grazie alla stratosferica offerta di 40 miliardi di dollari, la società di telecomunicazioni americana si è infatti aggiudica l’asta indetta per l’acquisizione del broadcaster. In pratica, Comcast ha offerto 17,28 sterline per azione di Sky, contro le 15,67 sterline offerte dal concorrente 21st Century Fox. Ora, come detto, l’ultima parola per la chiusura dell’operazione spetta agli azionisti di Sky, che devono decidere entro il prossimo 11 ottobre.

Si chiude così la lunga e controversa battaglia tra Comcast e il rivale Fox (era iniziata nel 2016), che rimane comunque in possesso del 39% del capitale azionario di Sky. Si tratta però di una poco utile percentuale minirotaria e per la quale da più parti viene prospettata la cessione. Fox al momento non conferma, si limita a dire che sta valutando diverse possibilità e che a breve potrebbero arrivare annunci a riguardo.

Comcast, il primo operatore mondiale di pay-Tv

Sia come sia, anche senza quel 39% Comcast acquisisce la maggioranza azionaria e quindi diventa a tutti gli effetti proprietaria di Sky. Questa operazione consente al colosso americano della Tv via cavo di diventare il primo operatore mondiale della Tv a pagamento. Sky porta infatti in dote 23 milioni di abbonati in Europa (e 17,7 miliardi di dollari di ricavi all’anno), che, sommati a quelli di Comcast, fanno un totale di oltre 52 milioni. Non solo. Sky è anche un importante produttore di contenuti televisivi (investe quasi 8 miliardi di dollari l’anno) ed è anche un operatore di telecomunicazioni. In pratica, l’acquisizione di Sky permette a Comcast di estendere la sua offerta dal mercato statunitense a quello europeo. E diventa sin da subito uno degli attori di maggior rilievo.

In aggiunta, grazie a Sky, Comcast acquisisce anche le armi per contrastare in modo adeguato aziende del calibro di Netflix e Amazon, che stanno assumendo un ruolo sempre più importante tra le pay-Tv.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here