Conto alla rovescia per tre nuovi canali in chiaro

Maggio 2010. Si andranno ad aggiungere a Iris e Boing e permetteranno all’offerta gratuita di Mediaset per il Digitale terrestre di strutturarsi meglio, dopo la crescita e il consolidamento di Mediaset Premium, cioè della parte pay.
Si tratta di tre nuovi canali dei quali si parla da parecchio tempo. Ora però le chiacchiere devono lasciare il posto ai fatti.

Il primo dovrebbe vedere la luce durante questo mese di maggio: si tratta di La5, pensato per un pubblico femminile e “imparentato” con Canale 5. La sua programmazione studiata a puntino per il gentil sesso (15-34 anni), contempla una bella fetta dei programmi di Canale5 proposti con un’ora di ritardo, secondo la logica vincente - per quanto copiata - dei canali +1 di Sky, ma sono previste anche trasmissioni di taglio nuovo dedicate a bellezza, casa, moda, cucina, sentimenti.

Un palinsesto tutto “rosa”, insomma, nel quale entreranno anche le serie televisive - alcune già trasmesse, altre in prima Tv - e perfino un’avvenente presenza maschile, uno “show man”, che nelle intenzioni della rete dovrebbe far girare la
testa alle future telespettatrici del Digitale terrestre.

Il secondo canale previsto non ha per il momento nessuna data ufficiale, ma sembra certo che arriverà nei prossimi sette-otto mesi. Si tratta del “vecchio” progetto di Italia2, sbandierato come una versione più giovane e spregiudicata di Italia1, ma in realtà circondato da un alone di mistero per quanto riguarda il suo profilo editoriale.

Infine, il terzo canale, il più importante dei tre, tutto dedicato all’informazione 24 ore su 24, una specie di Sky Tg24 veicolato tramite il sistema digitale. Il progetto, da anni sulle scrivanie dei vertici Mediaset, questa volta parte davvero. La nascita dell’agenzia delle news diretta da Mario Giordano che conta già un centinaio di giornalisti, ma presto si arricchirà di altri, è uno dei passi preliminari.

Del resto le condizioni per promuovere un canale all news ci sono tutte: il Digitale terrestre sta man mano prendendo piede su tutto il territorio nazionale, le reti Tv sono alla caccia di nuove idee e cercano costantemente nuovi contenuti: inoltre una rete all news per Mediaset sarebbe una potente arma per contrastare le offerte della concorrenza.

A Segrate, quindi, ci tengono, tanto che per una volta sarebbero disposti a sacrificare l’aspetto commerciale a scapito di quello editoriale. La curiosità è che la partenza potrebbe avvenire anziché in Tv, sulla rete Internet e quindi il canale sarebbe visibile da tutti sul computer. Ha spiegato Piersilvio Berlusconi, «È una cosa a cui stiamo ancora pensando, ma ci sono buone possibilità di esordire prima on line».

Pubblica i tuoi commenti