Current TV, quali prospettive sul DTT?

Settembre 2011
Tommaso Tessarolo, direttore di Current TV è al lavoro da tempo per dare continuità al canale, che dal 31 luglio scorso non viene più trasmesso sulla piattaforma satellitare di Sky. L’intenzione è di andare avanti in Italia, ma Current Tv non proseguirà solo sul web perché, ha spiegato Tessarolo, «Su internet non si fanno soldi, è un mercato che non ha sufficienti risorse per sostenere una produzione televisiva, al massimo può essere un business parallelo». L’idea è un’altra, portare Current Tv sul Digitale terrestre. Per il momento sono in essere trattative in corso, ma nulla di deciso in vista. Nel frattempo Tessarolo ha già trovato alcuni partner tecnologici e non sono mancate offerte da parte delle concessionarie di pubblicità. Il difficile è trovare un partner finanziario-editoriale con cui condividere l’avventura: ciò che Al Gore vorrebbe per continuare con entusiasmo in Italia, magari senza perderci troppi soldi.

Ricordiamo che la decisione di SKY di escludere il canale dalla propria piattaforma risale al maggio scorso. Al Gore bollò la decisione come una sorta di regalo al Governo italiano e avanzò la tesi che lo stop al canale nasceva dalla volontà di SKY di ingraziarsi il Premier in cambio di un vantaggio nella prossima gara per le frequenze sul Digitale terrestre. In effetti Current TV non è mai stata tenera con il Governo italiano. La rete il 25 marzo 2010 aveva trasmesso lo speciale di Michele Santoro Raiperunanotte - il programma più visto di sempre per l’emittente, con il 2,5% di share in prime time. Da parte sua SKY ha sempre giudicato come infondate queste accuse, al contrario ha addotto ragioni economiche, rimarcando il calo degli ascolti dell’emittente.

Pubblica i tuoi commenti