Dal satellite alle sale cinematografiche

Giugno 2008. Il progetto nasce nel 1997 grazie al supporto del Centro Ricerche e Innovazione Tecnologica della Rai di Torino con l'obbiettivo di studiare, sviluppare e diffondere in modo capillare il cinema digitale in Italia.

Dopo diversi anni dedicati allo studio delle migliori tecnologie per la trasmissione satellitare bidirezionale e in seguito all'elaborazione di un piano di sviluppo finanziato da primari soggetti istituzionali e da investitori privati con specifiche competenze nel settore, il progetto viene presentato ufficialmente nel dicembre 2006 e, in contemporanea, parte la sperimentazione nelle venticinque sale del circuito pilota.

Da allora Microcinema ha dato inizio ad una campagna per favorire la conversione al digitale delle sale cinematografiche italiane e oggi sono oltre 60 gli esercizi che hanno aderito all'innovativo progetto.
«Il nostro primo obiettivo - ha spiegato l'AD Roberto Bassano - è quello di ampliare il più possibile il nuovo circuito, promuovendo e favorendo l'introduzione della tecnologia digitale nel maggior numero possibile di esercizi cinematografici, per rivolgere un'offerta culturale di qualità anche a quei 10 milioni di italiani residenti nelle province e nei comuni più piccoli sprovvisti di impianti multisala. Il sistema digitale, infatti, si presta a rendere multidisciplinare l'offerta culturale delle sale cinematografiche, veicolando, e quindi offrendo al pubblico un bouquet di contenuti estremamente più ampio della normale programmazione cinematografica».

Il sistema satellitare bidirezionale e la qualità digitale assumono un ruolo fondamentale, sia dal punto di vista tecnologico sia da quello della penetrazione geografica, nel raggiungimento degli obiettivi di sviluppo di Microcinema.
Grazie al satellite, tutte le operazioni commerciali, distributive, amministrative o burocratiche avvengono senza necessità di spostamenti fisici di esercenti e agenti, spedizioni di pellicole o incontri per la definizione dei palinsesti e dei pagamenti; il tutto avviene in tempo reale, in remoto via satellite o attraverso una rete virtuale privata.

L'offerta prevede che le sale del network vengano dotate di un CinemaKit connesso 24 ore su 24 via satellite alla Centrale Operativa, un sistema scalabile e modulare sviluppato su piattaforma HD 1080p che funziona con proiettori da 1.3K, 1.9K, 2.0K e che consente agli esercenti di scegliere i contenuti audiovisivi da trasmettere con la definizione più adatta al proprio schermo, in funzione di dimensione, lunghezza e ampiezza del locale.

Una volta installato il CinemaKit, esercenti e distributori possono visionare il catalogo disponibile (che comprende già 100 film con meno di un anno di vita), controllare le statistiche di programmazione, conoscere i dati relativi allo sbigliettamento in un'area riservata sul web e quindi programmare il palinsesto in base alle esigenze della propria sala.

I contenuti vengono inviati via satellite al server di sala in forma criptata e la proiezione avviene in seguito alla richiesta da parte della sala tramite un software di gestione estremamente intuitivo e all'invio istantaneo del DRM (Digital Right Management) da parte di Microcinema.

www.microcinema.eu

Pubblica i tuoi commenti