decoder – DTT con hard disk, scelta limitata

Luglio 2008.
Sono un fedele lettore della vostra rivista e ci terrei molto ad avere un parere sul decoder terrestre ADB 5100TX HD 80 Gb e sull'azienda produttrice che non conosco. Vorrei, inoltre, sapere se esistono sul mercato altri decoder con HD e se le prestazioni giustificano il prezzo un po' più alto.
Nicola Z.

Il 5100TX è stato il primo box interattivo DTT ad implementare la funzione PVR che permette la videoregistrazione dei programmi radiotelevisivi digitali su un hard disk interno (da 80 GB).
Viene prodotto da ADB (www.adbglobal.com), azienda elvetica che da parecchi anni progetta e realizza decoder digitali per conto di numerosi operatori di TLC europei, con il proprio marchio i-Can e per diverse altre aziende di elettronica di consumo.
In sostanza, gran parte dei box interattivi presenti sul mercato italiano sono progettati da ADB così come moltissimi decoder IPTV europei.

Il decoder 5100TX è stato lanciato sul mercato nel gennaio 2007 ma, complice il prezzo elevato (circa 300 euro) e la presenza di alcuni “bachi” non ancora risolti per la mancanza di aggiornamenti firmware (l'ultimo risale addirittura alla fine del 2006), l'accoglienza da parte dei consumatori è stata piuttosto fredda.
Il progetto, in realtà, è molto valido e la circuiteria elettronica evoluta e sofisticata.

L'apparecchio dispone di un doppio tuner per vedere e registrare due canali differenti (oppure registrare due canali e vederne un terzo a patto che trasmetta all'interno del mux di uno dei due canali in registrazione), di un menu OSD molto ricco e facile da navigare, delle porte Ethernet e USB (oltre naturalmente al modem interno obbligatorio), di un doppio lettore di smart card per l'inserimento contemporaneo di due tessere (es. Mediaset Premium e La7 Cartapiù) e delle CAM integrate Nagra, Irdeto e Conax.

Tuttavia, nell'attuale versione firmware la presa USB risulta inattiva e la Ethernet viene utilizzata solo come eventuale canale di ritorno o per operazioni di assistenza mentre la EPG “on board” fa spesso i capricci.
A questi bachi si aggiunge poi la limitazione imposta dai broadcaster pay-tv che impedisce la registrazione degli eventi a pagamento o li “temporizza” (dopo 30 giorni la registrazione “scade” e non può più essere vista).

Il nostro consiglio è di attendere l'upgrade firmware tanto agognato (se mai ci sarà) o il lancio dei modelli di nuova generazione 3800 e 5810 dotati di HDMI e codec Mpeg-4 H.264 compatibili con l'Alta Definizione su DTT.

Una possibile alternativa al PVR di ADB è la D-Station di LG, un DVD-Recorder con HDD da 80 o 250 GB, tuner DVB-T, supporto MHP e pay-tv, che però è ormai vicina al pensionamento e, quindi, difficilmente verrà supportata in futuro con nuovi upgrade.

Tutti gli altri decoder digitali con hard disk disponibili in commercio sia in versione DTT sia “combo” (DTT + SAT) non dispongono né del supporto interattivo MHP né delle CAM integrate per la visione dei programmi pay-tv e pay-per-view.
Si tratta quindi di “zapper” evoluti progettati per vedere e registrare solamente i programmi free-to-air.

Pubblica i tuoi commenti