decoder – Quando il Fortecstar “zoppica”

Marzo 2008.
Ho recentemente acquistato un ricevitore FortecStar Passion HD da voi recensito sul numero di dicembre insieme ad altri Common Interface HD.
Sono discretamente soddisfatto di tale ricevitore, ma a volte si comporta in maniera bizzarra: fatica a passare da un bouquet all'altro o da Astra a Hotbird e viceversa; nel cambio canali tende a bloccarsi se si è troppo veloci; a volte compare la scritta “programma non disponibile” nel selezionare un canale, anche se il livello di segnale appare forte.
Inoltre, ho rinunciato a collegarlo ad un altro ricevitore per le disfunzioni che si presentano. Problemi del ricevitore o del mio impianto dual feed?
Danilo S., Brescia

Il test approfondito del decoder Passion HD pubblicato sul numero di gennaio ha evidenziato la sua versatilità, concretezza ma soprattutto un'elevata qualità video tramite HDMI.

I problemi osservati nelle prime versioni del firmware e da lei riscontrati (lentezza ricerca canali, blocchi sporadici, ecc) sono stati quasi completamente risolti grazie alle versioni 1.05 (ottobre) e 1.07 (novembre).
Le consigliamo, perciò, di aggiornare il suo decoder scaricando dal sito web www.fortecstar.com/download il nuovo firmware 1.07.
Come specificato nel test, all'interno dello zip troverà il file .dnl che dovrà essere salvato in una Pen Drive formattata precedentemente in FAT/FAT32 e inserita nella porta USB del decoder. La procedura di upgrade si effettua in pochi secondi tramite il menu OSD.

Le ricordiamo, inoltre, che i tecnici canadesi sono già al lavoro per eliminare anche gli ultimi difetti e, secondo indiscrezioni, anche per implementare l'utilissima ricerca Blind Scan.
Per quanto riguarda, invece, il collegamento “in cascata” ad un secondo decoder, le disfunzioni riscontrate sono purtroppo da ritenersi normali in quanto la presa IF Out non è quasi mai trasparente ai segnali, nemmeno quando il decoder si trova in stand-by.
La soluzione migliore è sempre quella di collegare i decoder a discese d'antenna indipendenti, utilizzando LNB o multiswitch (nel caso di impianti centralizzati) ad uscita multipla.

Pubblica i tuoi commenti