Decoder – Ricevitori terrestri con diversa sensibilità

Vorrei chiedervi perché nelle vostre prove sui decoder non si parla mai della diversa sensibilità di un tuner rispetto a un altro. Abito a Rocca di Papa, in provincia di Roma, a pochi chilometri dai ripetitori di Monte Cavo e dispongo di due impianti d’antenna composti da altrettante logaritmiche puntate su questi ripetitori. Con i decoder Telesystem TS7900, TS6290 e TS6291 ho riscontrato problemi di scarso segnale su alcuni mux mentre un ADB i-CAN 2000T ed un DiPro Interact 2 vanno bene. Vorrei collegare un amplificatore interno al 7900 ma non so se ne vale la pena, dato che il problema si riscontra solo su alcune frequenze.

Antonio

I segnali DTT per essere considerati “ricevibili” devono superare un “campo minimo” stabilito dalle norme tecniche del settore (rapporto tecnico ETR 101 190 e Guida CEI 100-7).
Il campo minimo è la quantità di energia che investe l’antenna ricevente, sufficiente a far funzionare un decoder DTT appena sopra la sua soglia di ricezione. Assume un valore diverso per i canali televisivi secondo le bande utilizzate (VHF III, UHF IV e V) e corrisponde rispettivamente a 48, 53 e 57 dBµV/m con un rapporto tra il segnale utile e il rumore C/N di 20 dB.
Considerando l’efficienza media delle antenne e le perdite introdotte da un cavo lungo circa 10 metri, i livelli si assestano intorno a 31 dBµV/m (min), 34 dBµV/m (70%) e 40 dBµV (95%) con un C/N di 20 dB/m, inferiore rispetto alla sensibilità di ricezione di 39 dBµV riscontrata in tutti i decoder DTT che abbiamo testato finora. Manca, però, un elemento fondamentale, ossia l’amplificatore d’antenna, che riporta questi livelli a valori più che sufficienti per una corretta ricezione (oltre i 49 dBµV). Spesso, però, il problema è l’eccessivo segnale (oltre i 74 dBµV) oppure i disturbi causati da un’imperfetta schermatura di cavi e centralini che introduce un rumore eccessivo e fa saturare il tuner del decoder facendo erroneamente credere che il problema sia lo scarso segnale. Prima di stabilire se i problemi di ricezione di alcuni mux derivano dal tuner poco sensibile dei decoder TELE System e di valutare l’utilizzo di un amplificatore aggiuntivo (sempre sconsigliato), è necessario effettuare alcuni test sui segnali a valle dell’antenna e prima della centralina di amplificazione, dopo la centralina e, infine, alla presa utente. Se correttamente progettato, un impianto di ricezione e distribuzione terrestre permette di utilizzare qualunque decoder DVB-T senza il minimo problema.

Pubblica i tuoi commenti