Decoder rotto e non riparabile? Portalo in negozio

Dallo scorso aprile, alla ormai consolidata normativa dell’Uno contro Uno, che prevede l’obbligo per il rivenditore di ritirare gratuitamente il grande elettrodomestico quando ne viene acquistato uno nuovo equivalente, è stato affiancato l’Uno contro Zero. Si tratta dell’obbligo, per gli esercizi di oltre 400 mq, di ritirare i piccoli elettrodomestici (max 25 cm di lato) anche senza un nuovo acquisto.
Rientrano in questa categoria la maggior parte dei prodotti elettronici come decoder terrestri e satellitari, Tv portatili, cellulari, smartphone, tablet, chiavette di memoria USB, cuffie audio e lettori MP3.
Ad oggi, i rivenditori di elettronica e di elettrodomestici raccolgono, grazie al sistema dell’Uno contro Uno e dell’Uno contro Zero, circa 216.000 tonnellate di prodotti destinati al recupero o allo smaltimento. Secondo il Rapporto Annuale del Consorzio Remedia, il valore stimato medio delle materie prime recuperate è di 140 milioni di euro, un vero e proprio “tesoro” ecologico perché scongiura la dispersione nell’ambiente di materiali potenzialmente pericolosi e inquinanti, ed economico perché fornisce concrete opportunità di business per le imprese nazionali. L’obiettivo è di arrivare, nell’arco dei prossimi 5 anni, a raccogliere 720.000 tonnellate di RAEE, pari a circa l’85% di tutti i RAEE generati, che corrispondono a circa 12 Kg a cittadino.
www.airesitalia.it

Pubblica i tuoi commenti