Disney+: il 22% degli utenti Usa vorrebbe abbonarsi, soprattuto per i film Marvel

Disney+

Il servizio di video on demand Disney+ sarà inaugurato il prossimo 12 novembre negli Stati Uniti. E Disney non ha ancora iniziato la campagna promozionale, quindi i dettagli relativi alla possibile offerta non si conoscono. Tuttavia, già oggi quasi un quarto dei potenziali utenti statunitensi si iscriverebbe a tale servizio.

Il dato emerge da un’indagine condotta da Qriously per Ampere Analysis su 1.003 utenti internet via cellulare. L’indagine ha rilevato che poco più di un quarto degli intervistati (27%) è già a conoscenza del servizio di streaming Disney+. La maggiore consapevolezza è stata riscontrata in due fasce di pubblico che Ampere ha identificato come chiave per Disney+: i giovani dai 18 ai 24 anni e le famiglie con bambini. Nel primo caso il 45% era a conoscenza del progetto Disney di lanciare un nuovo servizio di streaming, nel secondo caso il 36%.

Non solo. Tra tutti gli intervistati, il 22% ha affermato che è probabile (o molto probabile) che attiverà un abbonamento a Disney+. La volontà di abbonarsi cresce in modo significativo tra i giovani dai 18 ai 24 anni (34%) e arriva al 36% tra le famiglie con bambini. Quest’ultimo è un pubblico strategico per l’offerta Disney: numericamente è quasi il doppio di quello della fascia 18-24 anni e offre maggiori e più immediate opportunità.

Va però sottolineato che il servizio Disney+ non attrae solo le famiglie con bambini. Anche chi condivide l’abitazione con amici ha mostrato una probabilità più elevata della media di abbonarsi (37%).

Prima i film Marvel poi quelli di animazione

Forse un po’ a sorpresa, l’indagine ha riscontrato che i contenuti più di valore della proposta Disney+ sono ritenuti i film Marvel. Il prezioso catalogo di film d'animazione Disney e i titoli Pixar arrivano subito dopo, ma sono battuti dalle saghe dei Supereoi. Programmi come i Simpson e National Geographic rivestono un ruolo decisamente meno strategico, ma non va dimenticato che hanno un solido appeal tra i loro gruppi demografici di riferimento.

Disney+ Marvel

Più in dettaglio, sono i giovani dai 18 ai 24 a far pendere l’ago della bilancia verso la Marvel, mentre le persone della fascia 25-34 predilige i film d'animazione Disney. Questa persone sono quelle che più facilmente hanno una famiglia con dei figli e anche che sono legate emotivamente a questi film sin dall'infanzia.

Chi ha più di 35 anni punta invece su Star Wars. Da ciò deriva che la saga, con tutti i suoi spin-off, potrebbe essere la chiave per attirare verso Disney+ un pubblico più avanti nell’età.

Senza poi dimenticare che nel nuovo servizio di streaming non è stato ancora incluso il catalogo dei film Fox che potrebbe incrementare l’appeal verso un pubblico più “maturo”.

Comunque sia, ciò che emerge dall’indagine di Qriously per Ampere Analysis è che, ancor più delle novità, è la ricchezza del catalogo di contenuti "vintage", a cui si è legati emotivamente o per affinità, che sembra fare la differenza nella scelta. E se è davvero così, nonostante il valore e la notorietà delle persone coinvolte, l’esordio del servizio Apple+ potrebbe rivelarsi decisamente impegnativo.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here