Ecolight, cresce il riciclo dei piccoli elettrodomestici

Dicembre
Arrivano segnali positivi dopo tre anni di stallo nella raccolta dei rifiuti elettronici: sono aumentati i piccoli elettrodomestici riciclati. “In un quadro che è stanzialmente fermo, ci conforta il dato che ci arriva sulla raccolta di piccoli elettrodomestici, cellulari e PC non più funzionanti” afferma Giancarlo Dezio, direttore generale di Ecolight, consorzio nazionale RAEE che gestisce un terzo di tutti i piccoli elettrodomestici raccolti in Italia.
«E' un importante indice di una crescente sensibilità da parte dei cittadini che non gettano nel sacco dell'indifferenziata il vecchio aspirapolvere o il frullatore non funzionante, ma si assicurano che segua un corretto percorso di recupero affidandolo all'ecocentro comunale oppure nei negozi. Come consorzio abbiamo investito molto per aumentare la sensibilità, progettando sistemi innovativi di raccolta come i cassonetti intelligenti».
Nei primi nove mesi del 2014, la raccolta complessiva dei rifiuti elettronici si è attestata intorno alle 150mila tonnellate, poco al di sopra di quanto gestito nello stesso periodo dell'anno scorso. Sostanzialmente stabili i raggruppamenti R1 e R2, ossia frigoriferi e congelatori per il primo e forni, lavatrici e lavastoviglie per il secondo. In calo il raggruppamento R3 (televisori e monitor) dove si sta ormai esaurendo l'effetto digitale terrestre che ha portato al rinnovo degli apparecchi televisivi.
www.ecolight.it

Pubblica i tuoi commenti