Eutelsat abbandona i 28,5° Est

Ottobre 2013
La mossa giunge a meno di due settimane dall’appello vinto da SES all’International Chamber of Commerce (ICC) dopo che la rivale Eutelsat aveva avanzato una richiesta di arbitrato in merito alla presunta violazione dell’Intersystem Co-ordination Agreement del 1999 per i servizi satellitari confinanti. SES aveva escluso qualsiasi violazione, affermando che l’utilizzo delle frequenze dei 28,5° Est in banda Ku per il mercato tedesco era stato garantito a partire dal 4 ottobre 2013 in base a un accordo siglato con il service provider Media Broadcast e che a sua volta aveva ricevuto la licenza dalla Bundesnetzagentur, l’agenzia federale delle reti di telecomunicazioni, elettricità, gas, poste e ferrovie nei settori regolamentati.

I transponder a cui Eutelsat è stata costretta a rinunciare gli avrebbero garantito ricavi per 20 milioni di euro per il resto dell’anno fiscale 2013-2014 e 25 milioni per ciascuno dei prossimi due anni. Eutelsat e SES stanno ancora trattando per una soluzione relativa alla materia dell’arbitrato mentre l’Eutelsat 28A proseguirà normalmente la propria attività su tutte le altre frequenze.
www.eutelsat.com
www.ses.com

Pubblica i tuoi commenti