Eutelsat W2A in orbita, al via il progetto Solaris Mobile

Maggio 2009. Costruito da Thales Alenia Space sulla piattaforma Spacebus 4000C4, il satellite Eutelsat W2A porta a bordo 46 transponder in banda Ku, 10 in banda C ed 1 in banda S, sarà posizionato a 10° est e sostituirà il W1 entro la fine di maggio dopo i necessari test in orbita.

I transponder in banda Ku serviranno l'Europa, il Nordafrica, il Medioriente (spot wide), il Sudafrica e le isole dell'Oceano Indiano (spot Africa) mentre quelli in banda C sono destinati all'Africa, all'India ed all'America latina.

Il singolo transponder in banda S (2 GHz) avrà sei diversi footprint dedicati ad altrettanti mercati ed aree linguistiche omogenee (UK+Irlanda, Francia+Belgio+Svizzera francese, Italia+Germania+Austria+Spagna+Portogallo+Polonia) e permetterà di offrire i primi servizi di mobile telecommunication come la trasmissione di contenuti audio/video (con standard DVB-SH), la navigazione e l'assistenza in casi di emergenza, con il supporto delle reti terrestri.

Solaris Mobile, ha dichiarato il CEO Steve Maine, sarà la prima compagnia europea a creare un'infrastruttura ibrida terrestre+satellitare per i servizi mobili nel Vecchio Continente con un netto anticipo rispetto alla concorrenza.

Grazie a dispositivi portatili palmari oppure installati negli automezzi, sarà possibile ricevere programmi televisivi e radiofonici, servizi dati location-based di complemento ai sistemi di navigazione, navigare sul web in mobilità e molto altro.
I primi servizi saranno disponibili sul mercato entro la fine di quest'anno.

www.eutelsat.com
www.solarismobile.com

Pubblica i tuoi commenti