Guardando all’HD-3D Imaging

Maggio 2008. Per il mondo professionale si segnalava in particolare l'applicazione HD-3D Space mostrata dalla società Tecnel Studio (www.tecnelstudio.com), ideatrice di un sistema costituito da due HD camcorder professionali Sony (affiancati in sincrono tra loro) impegnate a riprendere immagini 3D davvero strepitose, restituendole poi su schermo gigante tramite una coppia sincronizzata, altrettanto strepitosa, di videoproiettori Christie a risoluzione 2K.
Abbiamo potuto notare come con questo sistema Tecnel la visione a rilievo risultasse sempre sorprendentemente precisa e realistica, persino nella ripresa e restituzione di movimentatissime sequenze di lotta vietnamita Viet Vo Dau, eseguita da una squadra di atleti italiani.

La vicentina 3D Switch (www.3dswitch.com) presentava invece il modello top-ultra consumer della propria linea 3D Personal Cinema. Un modello - del tutto “customizzabile”, anche con elegantissime finiture in radica - che sfrutta un sistema formato da: uno schermo da 70”; due retroproiettori DLP, ciascuno a risoluzione Full HD 1920x1080; un particolare software gestionale proprietario; un doppio impianto Hi-Fi a 2x5.1 canali discreti.
Per visualizzare le immagini gli spettatori possono utilizzare leggerissimi occhiali a polarizzazione passiva circolare, che garantiscono sempre un ottimo effetto 3D, persino se il telespettatore inclina la testa.

L'apparato 3D Personal Cinema consente altresì di osservare a tre dimensioni un gran numero di videogiochi 2D provenienti da Playstation 2 oppure da PC, mentre in bundle con l'apparecchio viene offerto un semplice ma efficiente sistema di ripresa stereoscopica (realizzato sempre dalla medesima house veneta), basato su due minicamere Sanyo HD1 sincronizzate tra loro, ciascuna dotata di sistema registrante allo stato solido e risoluzione a 1280x720.

Qual è il costo di questo fantastico “gioiello” 3D, peraltro prodotto solo su richiesta? Tenetevi forte: si parte dai 50 mila euro. Ma niente paura. Infatti, come ha voluto sottolineare Antonio Caramelli, direttore tecnico della stessa 3D Switch, l'azienda di Vicenza sta per immettere sul mercato degli abbordabilissimi 3D-HD LCD display - con singole diagonali comprese dai 30 ai 50 pollici - che, a prezzi oscillanti tra 3 e 6 mila euro, offriranno diverse prestazioni garantite oggi dal più blasonato, scenico e... costoso “fratello maggiore” 3D Personal Cinema.

Pubblica i tuoi commenti