Il “boom” dei media digitali

Agosto 2007. Una accelerazione con investimenti che toccheranno i 665 milioni di euro entro l’anno, cifra superiore  a quella relativa alla radio (605 mln).
Centro Studi AssoComunicazione è l'associazione che riunisce 166 imprese della comunicazione operanti in Italia, e che ha presentato di recente per il secondo anno consecutivo un'analisi organica sugli investimenti in comunicazione nel nostro Paese. I
l settore dei media digitali fa ormai da traino a un mercato che supererà i 20 mld di euro a fine 2007.
Mercato complessivamente in crescita del 4,1% rispetto all'anno precedente, contando anche la comunicazione via radio e tv. Settore quest'ultimo che vede in flessione l'utilizzo di quella via etere e in crescita quella digitale.

Per gli investimenti pubblicitari sulla stampa, la previsione a fine anno è del +2,2% con una raccolta leggermente migliore sui quotidiani (+ 2,4%) e la free press in forte progressione (+11,8%). Poco meglio andranno radio (+2,5%) e pubblicità esterna (2,6%) seppur sotto la media del comparto “mezzi classici” (+ 3,3%) trainato appunto dagli investimenti su internet.

Stasi assoluta per il cinema (0%) la cui offerta viene ancora percepita come ''troppo rigida e pacchettizzata''.
La televisione, anche quest'anno registra un andamento a doppia velocità: da un lato l'affanno di Rai (+ 0,4%) e Mediaset (0%) e la buona prestazione di La7 (+ 7,6%), dall'altro la tv satellitare che continua a guadagnare appeal nei confronti di target di nicchia e di alto profilo, raccogliendo risorse pubblicitarie importanti e crescenti.

www.assocomunicazione.it

Pubblica i tuoi commenti