Impianto – Quali decoder supportano l’SCR?

Ottobre 2011
Sono un vostro affezionato lettore e, sfogliando l’articolo “LNB & impianto SAT Due, quattro, 100 decoder... Quanti ne vuoi collegare?” ho notato le diverse alternative per il collegamento di più ricevitori satellitari. Vorrei installare un LNB di tipo SCR ma ho dei dubbi sulla possibilità di utilizzo/compatibilità con vari decoder come Humax 5400Z, Dreambox 7000s, Dreambox 500s, Dreambox 800HD SE, Clarke-Tech 5000 Combo, Clarke-Tech 3100 HD, Clarke-Tech 3100 Plus (e famiglia tipo 2500 Plus, ecc.). Oltre al decoder MySky ho verificato che lo Humax 9000 Combo offre la possibilità di settare nel menu installazione il tipo SCR. Esiste una lista dei decoder compatibili con il sistema SCR? Perché eventualmente non la pubblicate sulla rivista? E’ possibile realizzare un impianto dual-feed (ASTRA + Hot Bird) accoppiando due LNB SCR con uno switch? Oppure esistono sul mercato dei monoblocchi SCR che svolgono questa funzione?
V.F.

Con i termini Unicable/SCR si definisce l’impianto dotato di una sola discesa d’antenna in grado di servire fino a 4 ricevitori compatibili in maniera completamente indipendente e contemporanea. La logica del suo funzionamento è chiaramente espressa dal termine SCR (Satellite Channel Router), ossia un commutatore elettronico avanzato ad altissima velocità che adotta un procedimento di conversione di frequenza comandata a distanza via cavo coassiale. La peculiarità di un LNB SCR consiste nell’impiego di una frequenza IF di uscita fissa e prestabilita su un valore diverso per ogni ricevitore collegato. Il ricevitore deve essere in grado di “bloccare” il suo sistema di sintonia sulla stessa frequenza IF assegnategli dal sistema. Stabilito il canale IF su cui ogni decoder deve funzionare, l’LNB esegue, su richiesta, la conversione di frequenza necessaria a trasferire il canale richiesto dal singolo utente. Per inviare questa richiesta, il decoder deve essere dotato di un software specifico con blocco della sintonia su una frequenza fissa assegnatagli dall’utente e un blocco di comandi DiSEqC aggiuntivi.
In sostanza, la sintonia del canale non viene fatta dal tuner del decoder ma dai sofisticati circuiti interni dell’LNB SCR.
Per collegare i decoder all’unica discesa d’antenna basta utilizzare un partitore/divisore bidirezionale (comandi e tensione), prese a muro passanti (sempre in grado di far transitare comandi e tensioni) o l’uscita IF Out presente sulla maggior parte dei decoder. I decoder satellitari che supportano la tecnologia SCR sono sempre più numerosi. Tra questi i Dreambox 500/800/8000 con firmware aggiornato (es. Enigma 2), diversi TechniSat e Humax di nuova generazione (ma non il vecchio 5400Z), alcuni M-Vision con firmware recente e numerosi TivùSat come testimonia la guida all’acquisto pubblicata su questo stesso numero. I decoder Clarke-Tech, invece, non sono al momento compatibili.
Dal momento che questa funzione viene spesso aggiunta in un secondo momento con uno specifico aggiornamento del firmware, a volte addirittura non ufficiale, risulta alquanto difficile stilare una lista di modelli compatibili. L’unico modo è di verificare modello per modello sfogliando i nostri banchi prova, le guide all’acquisto oppure le pagine dei forum di Internet.
Per creare un impianto dual-feed SCR non si possono utilizzare gli LNB SCR ma quelli a quattro uscite indipendenti per banda (alta e bassa) e polarità (H/V), denominati Quatro, abbinati ad un multiswitch SCR (come l’Inverto nello schema) in grado di servire contemporaneamente diverse decine di decoder.

Pubblica i tuoi commenti