impianto SAT – Installatore incompetente e decoder HD

Giugno 2009.
Vi scrivo per raccontarvi una disavventura capitatami di recente e per avere un vostro suggerimento. Lo scorso gennaio ho contattato un installatore per sostituire LNB, cavo e decoder FTA che non funzionavano più bene.
Avevo chiesto espressamente un decoder Common Interface in grado di ricevere anche i canali in HD, compresi quelli in DVB-S2 e capace di comandare una parabola motorizzata, e un LNB di tipo Twin in quanto avrei utilizzato la seconda uscita per collegare ancora il mio vecchio ricevitore o, in futuro, un eventuale Skybox.
Dopo un mese di attesa, mentre il tecnico stava lavorando al mio impianto, ho notato con sorpresa e disappunto che il ricevitore consegnato non era idoneo alla ricezione dei canali HD. Alle mie lamentele, ha cominciato a propinarmi una lunga serie di scuse, come l’indisponibilità a magazzino, la ridotta diffusione dei ricevitori HD e lo scarso numero dei canali disponibili, l’inadeguatezza del Tv a tubo catodico in mio possesso. Secondo lui, l’unica soluzione era di abbonarsi a Sky HD.
Visto che gli accordi erano diversi, ne è nata un’accesa discussione finita solo quando gli ho chiesto di andarsene, non prima di aver preteso 90 euro per l’uscita. Ora vorrei cercare un nuovo installatore e mi serve il vostro aiuto per scegliere un ricevitore compatibile HD/DVB-S2, con doppio slot Common Interface, compatibile con i motori, dotato di una Scart con uscita RGB, almeno 4000 canali di memoria, robusto, affidabile, facile da utilizzare e, possibilmente, ad un prezzo inferiore ai 300/350 euro.
Se collego il ricevitore al mio Tv a tubo catodico con cavo Scart RGB, i canali HD si vedranno lo stesso o no?
Nel caso sostituissi il mio vecchio Tv con un LCD o Plasma, potrei collegare contemporaneamente il ricevitore tramite cavo HDMI e utilizzare l’uscita Scart RGB per registrare i programmi su DVD-Recorder?
Valerio M.

Dalla sua lettera si evince che il comportamento dell’installatore è stato poco professionale in quanto le sue esigenze sono state ignorate con giustificazioni tra l’altro errate.
Capita purtroppo che alcuni installatori si comportino da “venditori” promuovendo determinate soluzioni e dimenticandosi invece del loro ruolo principale.

Ciò premesso, cerchiamo di chiarire la questione dell’abbinamento tra il decoder HD e il Tv a tubo catodico (CRT).
Il decoder HD può essere tranquillamente collegato ad un vecchio Tv CRT tramite le uscite analogiche (Scart RGB/CVBS, S-Video, ecc.) anche per vedere i canali in Alta Definizione.

Tuttavia, dal momento che queste uscite veicolano solamente segnali a definizione standard (SD), non potrà beneficiare della migliore qualità d’immagine dei canali HD rispetto alle versioni SD. Per poter apprezzare il salto di qualità bisogna pertanto utilizzare televisori dotati di ingressi Component (analogici), DVI o HDMI (digitali), gli unici in grado di superare il formato Pal 576i/p ed arrivare a quelli HD da 720p, 1080i/p.

Esistono in commercio diversi modelli di decoder HD che rispondono alle sue esigenze e le consigliamo di leggere attentamente i vari test e le guide all’acquisto che abbiamo dedicato a questi apparecchi nel corso degli ultimi due anni.

Per quanto concerne infine l’utilizzo contemporaneo delle uscite analogica Scart RGB (per DVD-R) e digitale HDMI (per Tv), molti decoder lo consentono anche se con qualche limitazione, puntualmente indicata nei nostri test.

Tuttavia, se decidesse di optare per un modello con predisposizione o funzione PVR integrata, potrebbe tranquillamente fare a meno di un DVD-Recorder esterno in quanto la registrazione dei programmi televisivi avviene direttamente su hard disk/pen drive, con la stessa qualità del segnale originale e soprattutto anche in qualità HD.

Pubblica i tuoi commenti