Impianto SAT – Parabola sul balcone in attesa del centralizzato

Abito in un piccolo condominio situato in una località montana e, come tutti gli abitanti, ho problemi a ricevere i canali terrestri. In attesa del via libera dell’assemblea per l’installazione di un impianto satellitare centralizzato per vedere i canali TivùSat, vorrei mettere una parabola sul balcone. Quale dimensione deve avere? E quale decoder TivùSat mi consigliate? A definizione standard oppure HD?

Valerio N.

L’installazione a balcone, nei luoghi dove i regolamenti comunali lo consentono, pone un limite alla dimensione della parabola che solitamente non può eccedere i 60-80 cm di diametro. Tuttavia, per i principali satelliti in orbita come Hot Bird, queste misure sono più che sufficienti per garantire la perfetta ricezione dei canali. Qualora sia necessario mimetizzare l’antenna rendendola quasi completamente invisibile dall’esterno, si può optare per uno dei modelli piatti della Selfsat distribuiti da Auriga. Trattandosi di una soluzione temporanea, a nostro avviso può valutare l’acquisto e l’installazione di una parabola standard da pochi euro che verrà smontata quando sarà pronto l’impianto centralizzato. Se, invece, sceglie una Selfsat, dato il prezzo più elevato può successivamente riutilizzarla per altri slot orbitali (ad esempio ASTRA 19,2° Est oppure Eutelsat 9° o 16° Est) semplicemente spostandola di qualche grado.
Per la scelta del decoder TivùSat, la invitiamo a sfogliare la guida all’acquisto pubblicata sul numero di settembre di Eurosat dove troverà tutti i modelli commercializzati, sia SD sia HD. Se possiede un TV HD (LCD, Plasma) e il budget lo consente, le consigliamo senz’altro un modello ad Alta Definizione, meglio se già certificato TivùOn e quindi compatibile al 100% con i servizi on-demand di nuova generazione. Se, invece, usa ancora un TV a tubo catodico e/o non è interessato ai canali HD, può tranquillamente scegliere un modello Standard Definition.

Pubblica i tuoi commenti