impianto SAT – Via la parabola dai balconi

Giugno 2008.
Abito in un condominio costruito nel 1970 con cavo per la Tv terrestre  in discesa dal sottotetto passante da un appartamento all’altro, dentro un tubo di circa 13 mm di diametro interno. Nell’ala del fabbricato dove abito sono già presenti parabole su 4 dei 6 terrazzi che, entro il prossimo settembre, con l’entrata in vigore del nuovo regolamento di Polizia Urbana, dovranno essere rimosse.
L’unico spazio per far passare dei cavi dal sottotetto è a fianco dell’ascensore insieme ad altri servizi (Enel, telefono, videocitofono) ma ad ogni pianerottolo solo un alloggio su tre potrebbe collegarsi facilmente. Della mia scala, 16 su 17 condomini vorrebbero avere nel loro alloggio una presa SAT possibilmente a fianco di quella terrestre con la possibilità di scegliere individualmente tra Astra e Eutelsat. Quali soluzioni sono possibili escludendo quella di far passare i cavi lungo la facciata esterna dell’edificio?
Luciano, Rivoli (TO)

La soluzione più “indolore” è sicuramente di sfruttare il cavo di discesa d’antenna terrestre esistente miscelando il segnale IF Sat opportunamente convertito (a monte) e poi demiscelandolo alla presa utente nei singoli appartamenti.
Questo avviene grazie alle tecniche di conversione IF-IF, IF-S, IF-VHF, trasmodulazione QPSK-QAM che permettono di selezionare un gruppo di transponder provenienti da qualsiasi satellite per poi sintonizzarli con un decoder compatibile.

Questa soluzione ha il pregio di non richiedere l’installazione di cavi aggiuntivi, ma presenta il difetto di costare di più e di non poter offrire agli utenti tutti i canali ricevibili da uno o più satelliti come accade per un impianto condominiale a multiswitch o individuale (monofeed, dual feed, motorizzato, ecc.).

Una possibile alternativa all’impianto centralizzato IF-IF è quello passante tramite tecnologia SCR (UniCable) dove le varie prese utente sono collegate in cascata attraverso un semplice partitore.
Questo elimina la necessità di installare centraline multiswitch sul pianerottolo offrendo il vantaggio del libero accesso a qualunque canale e transponder del satellite: di contro, richiede l’installazione di LNB SCR e, soprattutto, l’impiego di decoder compatibili con questa tecnologia.
Il nostro consiglio è di rivolgersi ad un installatore professionista che, dopo un attento sopralluogo, valuterà le possibili soluzioni d’impianto in base alla conformazione del palazzo ed alle esigenze di tutti i condomini.

Pubblica i tuoi commenti