Internet sui monti del Veneto

Agosto 2013
Dopo la recente messa in rete dei rifugi delle Dolomiti, nel 2014 la copertura della banda larga via satellite sarà ampliata anche ad ulteriori zone montuose del territorio. L’operazione di portare Internet in quota è stata realizzata dalla Regione Veneto - Assessorato al Turismo - in collaborazione con il CAI Veneto e con il supporto di Open Sky, leader nella fornitura di tecnologie satellitari, che ha fornito il kit Tooway.

I rifugi già attivati nell’area Dolomiti-Unesco sono sette e nei piani del CAI in fase di attuazione saliranno presto a 25 per poi approdare anche sui rifugi delle prealpi vicentine e veronesi, dal massiccio del Pasubio alla Catena del Sengio Alto, dal Gruppo della Carega alla Catena delle Tre Croci, fino all’Altopiano dei Sette Comuni e ai Monti Lessini ed al Baldo. Il supporto dell’ADSL satellitare ha un impatto zero sull’ambiente, in quanto ecologico e non invasivo, ma al contrario dà un grande contributo alla montagna, sia in termini turistici sia di sicurezza per gli escursionisti. Dai rifugi collegati in rete è, infatti possibile monitorare le richieste degli escursionisti, agire velocemente in caso di emergenza e, addirittura, effettuare un check-up video via Internet per fornire informazioni più accurate nelle richieste di soccorso.
www.open-sky.it/tooway

Pubblica i tuoi commenti