Italia 2012: pareggio tra Tv free e pay

Aprile 2009. L’analisi annuale presenta i dati previsionali sulla distribuzione degli accessi alla Tv digitale, sui volumi d’affari generati dai diversi servizi televisivi e sulle quote dei diversi operatori.

Le famiglie con accesso a un qualche servizio di Tv a pagamento saranno circa il 50% del totale mentre i ricavi generati da pagamento diretto supereranno quelli da inserzioni commerciali. Escludendo i servizi pay-per-view e video on demand, a febbraio 2009 si contavano in Italia circa 350 canali televisivi digitali distribuiti sulle diverse piattaforme.

Crollo drastico del numero dei canali gratuiti di genere adult-only e crescita degli altri generi fra cui quello Kids/Teens che registra circa 20 canali.

Sul sito www.e-mediainstitute.com è possibile scaricare gratuitamente la mappa dei principali canali televisivi distribuiti sulle diverse piattaforme digitali (satellite, DTT and IPTV) aggiornati alla fine di febbraio 2009 e classificati per genere editoriale, piattaforma distributiva, bouquet di appartenenza, modello di offerta (gratuito o a pagamento).
I report sono invece a pagamento.

Pubblica i tuoi commenti