LG, illuminazione ottimale con il sensore “intelligente”

Settembre 2009. Da una ricerca condotta da LG in Europa e Asia è emerso che una delle lamentele più frequenti da parte del consumatore durante l’uso del computer riguarda proprio l’affaticamento degli occhi, dovuto alla troppa o troppo poca luminosità dello schermo.

Per ridurlo, i nuovi SMART monitor di LG, grazie alle funzionalità AutoBright, permettono di abbassare l’intensità della retroilluminazione e di ottimizzare la luminosità dello schermo in modalità automatica, in base alla luce presente nell’ambiente e ai contenuti visualizzati.
Inoltre, per garantire la migliore esperienza di visione, i monitor LG utilizzano parametri basati sullo “unified glare rating” (UGR - rating di luminosità unificato) raccomandato dalla International Commission on Illumination.

La serie W53 SMART è dotata anche della funzionalità Cinema Mode, in grado di eliminare le fastidiose distrazioni che disturbano la visualizzazione dei video in modalità online grazie all’oscuramento di tutto lo schermo tranne il video clip. Anche il design è stato curato in ogni suo aspetto: la cornice è lucida e lineare, non interrotta dalle luci che illuminano i pulsanti, che restano infatti spente fino a quando non si avvicina la mano dell’utente. Un sensore di prossimità posto nella parte inferiore dello schermo, infatti, illumina i tasti solo quando necessario.

Da segnalare inoltre la funzione Timer con cui di impostare alcuni avvisi che si attivano a orari specifici e a intervalli prestabiliti per ricordare all’utente di prendersi una pausa dal lavoro. Sono disponibili nei tagli da 22 (199 euro) e 24 pollici (269 euro) entrambi con pannello Full HD 1920x1080p in formato 16:9, hanno un rapporto di contrasto di 50000:1 ed un tempo di risposta di 2 ms.

www.lge.it

Pubblica i tuoi commenti