Monitor 3D – PS3 incompatibile con monitor 3D

Giugno 2011
Desidero avvisare tutti gli utenti della PS3 di fare attenzione all’acquisto di monitor 3D da collegare alla consolle Sony per giocare e vedere film in tre dimensioni. Dopo l’entusiasmo di aver visto i film 3D al cinema, io e mio figlio abbiamo deciso di “upgradare” la PS3 alla versione 3.5 e di cercare un monitor da inserire nella sua cameretta (un TV non ci sta). Ci siamo recati in una catena di negozi di elettronica e l’unico modello sufficientemente piccolo era il W2363D di LG ma al momento sprovvisto degli occhiali.
Abbiamo comunque deciso di acquistarlo, visto che il commesso garantiva che era un monitor 3D, pensando di prendere gli occhiali in un altro negozio. Collegato il monitor e inserito un film 3D, la PS3 mi avvisava che la periferica collegata non era adatta alla visione 3D. Mi sono recato al negozio, ho cercato su Internet, ho cambiato diversi cavi HDMI e alla fine ho scoperto che il 3D Vision della NVIDIA non è compatibile con il 3D Ready. Chiamo l’assistenza LG, e dopo 17 minuti di telefonata, mi rispondono che sul manuale d’istruzione c’è scritto che il monitor è adatto alla visione di tutti i formati 3D e deve funzionare. Devo solo acquistare gli occhiali perché altrimenti il monitor non entra nella modalità 3D. Mi dicono anche che la Sony presenta in catalogo una periferica da collegare alla PS3 che sistema tutto. Chiamo tutti i numeri di Sony, tutti i vari settori, ma nessuno sa dirmi quale sia la periferica (semplicemente non esiste). Non ancora convinto, acquisto un paio di occhiali 3D Vision sperando di risolvere il problema ma mi sbagliavo. Morale della favola: non acquistate per la PS3 monitor 3D Vision perché non funzionano.
Roberto G.

La maggior parte dei monitor 3D certificati NVIDIA 3D Vision come il suo LG W2363D, soprattutto quelli di prima generazione, possono riprodurre contenuti 3D solo se collegati a schede grafiche NVIDIA compatibili 3D presenti in PC desktop e laptop perché, fondamentalmente, sprovvisti di ingressi HDMI 1.4 né dei componenti indispensabili per la gestione del 3D (emettitore IR e occhialini). E’ obbligatorio quindi collegarli con un computer mentre con qualsiasi altro dispositivo, ad esempio un lettore Blu-ray 3D o una console 3D come la PS3, non funzionano.
Il motivo è semplice: la creazione dei flussi video stereoscopici è generata e gestita dal PC attraverso la scheda video, mentre la sincronizzazione degli occhialini attivi avviene attraverso uno specifico trasmettitore presente nel kit NVIDIA 3D Vision insieme agli “shutter glasses”. Il W2363D non possiede alcun emettitore IR né tanto meno gli occhialini 3D a differenza di altri monitor/TV 3D e quindi non può riprodurre immagini stereoscopiche autonomamente.
Il negoziante e il servizio clienti LG avrebbero dovuto essere a conoscenza di questa importante caratteristica (non si può infatti parlare di una vera e propria limitazione) e comunicarvela così da evitare di spendere altro denaro in cavi e accessori.
A questo punto, l’unica soluzione è mettere in vendita sul mercato dell’usato il suo W2363D e acquistare al suo posto un monitor 3D di nuova generazione, come i Samsung Serie A750/A950 (vedi anteprima su questa stesso numero) oppure gli Acer HS244HQ o GN245HQ con pannello LCD LED da 24”, emettitore IR integrato e occhiali attivi in dotazione. Questi monitori 3D di nuova generazione sono capaci di collegarsi a molteplici sorgenti 3D native grazie agli ingressi HDMI 1.4 che rilevano automaticamente i contenuti stereoscopici in modalità “frame sequential”. Il GN245HQ è anche certificato NVIDIA 3D Vision, ovvero può funzionare in 3D sia in modo autonomo sia collegato con un PC provvisto di scheda NVIDIA compatibile 3D.

Pubblica i tuoi commenti