Oltre i soliti confini

Gennaio 2008. Un tempo questa banda era considerata “irraggiungibile” ai più, in quanto era necessario disporre di antenne paraboliche dal diametro imponente, oltre i 3 metri, per una sufficiente ricezione dei segnali irradiati.
Oggi, grazie allo sviluppo della tecnologia satellitare che vede impiegati transponder sempre più potenti, un disco di 1.8 metri di diametro ci consente di ricevere una varietà di stazioni che spaziano tra sport, musica, news e intrattenimento generalista.
I principali broadcaster arabi, indiani, sudamericani e russi sono attivi con decine e decine di reti visibili lungo la Fascia di Clarke rigorosamente in chiaro, che rendono sempre più accattivante ed interessante lo zapping in banda C.
explorer parade

Pubblica i tuoi commenti