parabola – Interferenze tra satelliti vicini

Dicembre 2009.
Il mio impianto è composto da una parabola Zodiac da 85 cm, un motore Stab HH100, un LNB Invacom Single 0,3 dB e un ricevitore Clarke-Tech 2100+. Con questi modesti mezzi riesco ad avere belle soddisfazioni lungo la fascia di Clarke con una centratura quasi perfetta dei satelliti da 45° Ovest a 72,5° Est. Utilizzo molto la ricerca Blind Scan ma sono spesso costretto a limitarla in quanto non c’è selettività in gradi dal satellite adiacente e così i canali vengono mischiati. A mio avviso, i costruttori di decoder dovrebbero migliorare la selettività della Blind Scan agendo su LNB o firmware con filtri elettronici o meccanici come già avviene da tempo in campo radioamatoriale. Forse tutto ciò esiste già e, se così fosse, mi piacerebbe avere notizie in merito.
Angelo O.

Le interferenze che si manifestano durante la ricezione dei canali trasmessi da satelliti vicini non possono essere eliminate con filtri elettronici e meccanici perché le polarità e le frequenze in gioco sono le stesse ed il decoder non è in grado di capire da quale satellite provengono.

Per risolvere il problema bisogna intervenire alla radice, ovvero nel momento in cui i segnali vengono captati dall’antenna parabolica e riflessi all’LNB posizionato nel punto di concentrazione, detto anche “fuoco”.

Per ridurre al minimo il rischio di interferenze tra satelliti vicini, oltre naturalmente a un perfetto puntamento, è necessario scegliere parabole con un ridotto angolo di apertura. Minore è questo angolo, più la parabola “vede” con precisione il satellite verso il quale è puntata ignorando quelli vicini perché i loro segnali arrivano molto attenuati.

L’angolo di apertura è strettamente correlato alla forma e alla dimensione della parabola (inversamente proporzionale) ma non alla qualità dei materiali impiegati.

Le parabole piccole hanno quindi un angolo di apertura più elevato rispetto a quelle grandi.
Per ovviare a questo problema, alcuni costruttori hanno adottato per le parabole compatte (60-80 cm) forme differenti da quella ellittica.

Un tipico esempio è la Penta di Fracarro che, grazie alla sua forma pentagonale, ha un angolo di apertura più ridotto, a parità di diametro, rispetto ad una parabola tradizionale.

Il maggior angolo di apertura delle parabole compatte comporta però due vantaggi: non occorre un puntamento perfetto per ottenere il miglior segnale e sulla stessa antenna possono convivere più facilmente due o più LNB per realizzare un sistema multifeed.

Pubblica i tuoi commenti