Personal Video Recorder – Decoder PVR con SSD?

Ho notato che i nuovi hard disk di tipo SSD sono sempre più diffusi e il loro prezzo tende a scendere. Secondo voi, oltre che sui PC fissi e portatili, è possibile utilizzarli con i decoder PVR come il mio MVision al posto del disco portatile USB usato attualmente? Questi dischi richiedono un’alimentazione aggiuntiva oppure posso funzionare con il solo cavetto USB? Devo eseguire qualche operazione prima di installare un disco SSD sul decoder?

Giorgio W.

A differenza dei tradizionali hard disk magnetici/meccanici, gli SSD (Solid State Drive) non presentano piatti rotanti e testine ma chip di memoria gestiti da un controller che permette di leggere e scrivere dati ad altissima velocità. L’assenza di parti in movimento rende gli SSD affidabili, leggeri e parchi nei consumi, quindi rappresentano la soluzione ideale per i notebook di fascia alta e, soprattutto, per gli ultrabook con lunga autonomia operativa. L’accesso ai dati, inoltre, è più rapido rispetto agli dischi fissi magnetici, permettendo quindi di avviare il sistema operativo in molto meno tempo. Di contro, questi device evidenziano un numero di cicli di lettura/scrittura limitati e quindi, teoricamente, una vita più breve. I moderni SSD sono tutti basati sull’interfaccia SATA (2-3) con un form factor di 2,5”. Inoltre, sono disponibili anche nelle versioni “kit” con staffe per l’installazione negli slot da 3,5” dei case per PC e, soprattutto, un adattatore SATA-USB per utilizzarli come unità di memoria esterne e portatili. Grazie a questo adattatore, acquistabile anche separatamente, è possibile sfruttare gli SSD come unità di memoria nei decoder e TV PVR via USB, senza bisogno di effettuare alcuna operazione preliminare. Sarà, infatti, lo stesso decoder o TV a riconoscerli e a formattarli se necessario. Inoltre non richiedono alimentazione aggiuntiva proprio per il loro bassissimo consumo, di molto inferiore a quello degli hard disk meccanici da 2,5”. L’unico svantaggio è il prezzo. Anche se il costo per gigabyte è sceso notevolmente (da 5 euro a meno di 1), un SSD da 120/240 GB potrebbe arrivare a costare quasi quanto il decoder PVR e, comunque, più di un disco fisso tradizionale da 750 GB o 1 TB, cioè da 3 a 4 volte più capiente. Visto che i vantaggi tipici degli SSD non sono particolarmente evidenti nell’utilizzo con i PVR, riteniamo che il vecchio caro hard disk sia a tutt’oggi la soluzione migliore sotto tutti i punti di vista.

Pubblica i tuoi commenti