Pronto intervento sull’impianto TV

Aprile 2013
La tecnologia LTE (Long Term Evolution) costituisce un’evoluzione degli standard di telefonia mobile cellulare attraverso cui è possibile fornire servizi di connettività a banda larga per l’accesso a Internet in mobilità con velocità di download e upload nettamente superiori a quelle offerte da 3G. Un’evoluzione che obbliga gli installatori TV già da quest’anno a incisivi interventi sugli impianti d’antenna per la soluzione dei problemi d’interferenza da parte dei segnali LTE/4G e per il cambiamento delle frequenze dei programmi televisivi.

La coesistenza dei segnali DVB-T e LTE in bande fra loro contigue può, infatti, comportare disturbi alla ricezione dei segnali televisivi nelle zone di prossimità con le Base Station LTE, a causa di un’eccessiva potenza interferente che rientra nella banda passante dei dispositivi domestici esistenti. Problemi poddono presentarsi non solo sul canale TV adiacente al canale LTE, ma anche su tutti gli altri canali dell’impianto condominiale, arrivando a saturare e silenziare del tutto la ricezione di tutti i canali TV della banda UHF e non solo quelli adiacenti alla frequenza LTE. Lo stesso si può avere in impianti singoli poiché i televisori oggi in commercio funzionano fino a 862 MHz e possono quindi venire disturbati non solo dai segnali LTE in UHF provenienti dall’antenna ma anche dagli stessi smartphone LTE in UHF, quando utilizzati in prossimità dell’impianto o nello stesso ambiente domestico.
Soltanto un filtraggio di base del segnale d’ingresso al centralino può aiutare a ridurre gli effetti di questa inter­modulazione, ma ciò richiede l’impiego di filtri ad elevata selettività.

Nelle numerose pagine dello Speciale interamente dedicato all’argomento e che trovate più avanti nella rivista, trattiamo in profondità le caratteristiche del nuovo standard LTE e le complesse problematiche da risolvere sul campo mirate a risolvere gli inevitabili problemi di “convivenza” dei segnali di telefonia mobile con quelli televisivi digitali nella banda alta UHF.

Non perdere il numero di Eurosat di Maggio in edicola a fine aprile.

Pubblica i tuoi commenti