RAI porta la Super HDTV anche sul DTT

Febbraio 2009. Il test è stato reso possibile grazie al nuovo standard DVB-T2 che aumenta la capacità trasmissiva di circa il 40% consentendo la trasmissione di 3-4 programmi HDTV codificati in Mpeg-4 (rispetto ai 2-3 consentiti dal DVB-T) o addirittura di 1 canale a Super Alta Definizione 4K.

Il DVB-T2, grazie alla significativa capacità trasmissiva (sino a 34-40 Mb/s), consentirà di affiancare servizi in Alta Definizione (HDTV) agli attuali servizi di televisione DTT a qualità standard e a servizi di televisione mobile in DVB-H. Per la RAI l’iniziativa è stata condotta dalla Direzione Strategie Tecnologiche con la Direzione Centro Ricerche e Innovazione Tecnologica, in collaborazione con RaiWay.

Il Centro Ricerche e Innovazione Tecnologica Rai ha partecipato attivamente alla definizione di questo nuovo standard mentre l’italiana ScreenService e la spagnola SIDSA hanno sviluppato rispettivamente il trasmettitore e il ricevitore DVB-T2.

Questo test dimostra la costante attenzione dell’Emittente Pubblica verso le tecnologie d’avanguardia che permettono il costante miglioramento della qualità tecnica dei servizi radiotelevisivi e lo sviluppo dell’Alta Definizione, consentendo di realizzare “prove in campo” delle caratteristiche del DVB-T2, sia per gli aspetti propagativi che per quelli di robustezza e resistenza alle interferenze in diverse condizioni operative.

www.crit.rai.it

Pubblica i tuoi commenti