Ricevitori COFDM e trasmodulatori DVB da N.E.L.

Luglio 2010. Soluzione ideale in hotel, ospedali, scuole, impianti sportivi, ricreativi e culturali e in tutti i casi in cui si voglia distribuire i canali televisivi digitali terrestri senza dover sostituire il parco televisivo, i ricevitori COFDM/PAL sono programmabili in modo semplice e rapido tramite il programmatore a corredo, offrono l’uscita RF PAL B/G automix da 80 dBμV nell’intervallo E02-E69, hanno dimensioni ridotte, la meccanica in pressofusione argentata, l’attacco per barra DIN e sono compatibili con la serie Digiselect, ovvero con le centrali a filtri attivi.

La flessibilità di questo prodotto permette, a seconda delle necessità, di formare kit da 3 a 12 ricevitori per consentire la visione di altrettante emittenti rimodulate in Pal.

Per le grandi strutture comunitarie dotate di impianto satellitare dove si è già provveduto alla sostituzione del vecchio Tv analogico con i nuovi modelli digitali oppure all’acquisto dei decoder DTT, i transmodulatori da DVB-S a DVB-T consentono la visione dei programmi digitali satellitari tramite Tv o decoder con tuner DTT, rimodulando i segnali DVB-S, DVB-S2, 8PSK e  creando un multiplex DVB-T nel quale inserire le emittenti ricevute dal trasponder satellitare selezionato.

Il numero massimo di emittenti che si possono allocare all’interno di un mux DTT dipende dalla larghezza di banda utilizzata dal provider (maggiore la larghezza di banda, minore numero di emittenti): nel peggiore dei casi si possono inserire 4 emittenti sat a definizione standard oppure due in HD. 

La programmazione dei parametri SAT (frequenza, polarità, SR, FEC) e DTT (costellazione, intervallo di guardia, FEC) avvengono tramite PC, la scelta della frequenza in uscita tramite dip-switch (posti sul frontale) e la regolazione del livello in uscita per mezzo di un attenuatore a diodi pin, anch’esso posizionato sul frontale.
Tutti i moduli non necessitano di alimentatore o programmatore supplementari.

www.nel.it

Pubblica i tuoi commenti