Super Hi-Vision, primi test europei

Ottobre 2008. Il progetto del nuovo standard televisivo è stato condotto nell’ambito dell’accordo di collaborazione tra i Centri di Ricerca delle televisioni pubbliche Inglese (BBC), Italiana (RAI), Giapponese (NHK), Austriaca (ORF), Svizzera (SSR) e Tedesca (ZDF).
Da Amsterdam è partito il tour di dimostrazioni internazionali la cui prima tappa sarà a Roma in ottobre.

La Super Hi-Vision è caratterizzata da una risoluzione d’immagine pari a 16 volte l’attuale HDTV (da 2 a 32 megapixel) mentre l’audio viene diffuso su 24 canali posizionati su tre piani sonori (4 volte rispetto all’attuale 5.1).

Il contributo di Strategie Tecnologiche e del Centro Ricerche RAI è stato focalizzato sullo sviluppo delle tecnologie di diffusione satellitare della  SHV: da Torino sono state inviate via satellite Eutelsat Atlantic Bird 3 ad Amsterdam sequenze di SHV a 140 Mb/s utilizzando il nuovo standard  DVB-S2 che ha visto la luce proprio al Centro Ricerche RAI.
Dalla BBC a Londra sono state invece inviate all’IBC via fibra ottica immagini della capitale inglese riprese da una telecamera.

La positiva realizzazione di questo progetto conferma una tradizione di leadership tecnologica mondiale della Tv di stato nell’Alta Definizione: la produzione di Giulia&Giulia (1987), la prima trasmissione mondiale di HDTV digitale via satellite (Mondiali di calcio Italia ‘90), la prima trasmissione di HDTV e Tv Mobile sullo stesso canale (Olimpiadi invernali Torino 2006). Si prevede che la Super Hi-Vision diventerà una tecnologia disponibile per il mercato, in particolare per i megaschermi oltre i 60-80 pollici, nell’arco di una decina di anni.

www.crit.rai.it

Pubblica i tuoi commenti