Test – Ricevitore SAT HD FTA Metronic Touch Box 8

Ricevitore SAT Metronic Touch Box 8Con questo decoder è davvero semplice sintonizzare e registrare tutti i canali televisivi satellitari trasmessi in chiaro, sia a definizione standard sia in HD. Supporta le parabole fisse e motorizzate, riproduce i file multimediali via USB ed è facile da configurare.

 

Se gli zapper DVB-T HD hanno il grande pregio di “digitalizzare” un vecchio televisore analogico ma anche di aggiungere funzionalità come il tuner HD, il PVR e il Mediaplayer non previste nei TV LCD e plasma più vecchi, gli omologhi decoder SAT FTA HD offrono l’opportunità di aggiornare un vecchio impianto satellitare sintonizzando anche i canali in Alta Definizione con gli stessi “extra” multimediali. In entrambi i casi si tratta di un aggiornamento a basso costo visto che, grazie all’evoluzione dei chipset (processori tuttofare che integrano l’80% delle funzioni del decoder), l’esborso è quasi sempre inferiore ai 70-80 euro. Se gli zapper DTT HD consentono di accedere alla programmazione di Rai, Mediaset, La7 e di altri canali in HD, in quelli satellitari l’offerta è decisamente più ricca, sia in lingua italiana sia tedesca, francese, inglese, araba, ecc. Per verificarlo basta dare un’occhiata alle tabelle digitali pubblicate su Eurosat mensilmente: tutti i canali evidenziati con lo sfondo o il pallino azzurro sono trasmessi in Alta Definizione, sono gratuiti e ricevibili con qualsiasi decoder satellitare HD collegato a una parabola fissa o motorizzata. Tra i modelli più economici e interessanti reperibili al momento nei negozi, troviamo il Metronic Touch Box 8 oggi in prova, per valutarne pregi e difetti.

Touch Box 8 fa parte della nuova gamma dell’azienda francese e può essere acquistato facilmente in qualunque negozio di elettronica, materiale TV Sat, negli ipermercati e, soprattutto, nei megastore del fai-da-te. E’ molto simile al modello terrestre Flashbox T2 testato sul numero di aprile, differenziandosi per la presenza del tuner satellitare DVB-S2 che, in abbinamento al codec MPEG-4 H.264, offrono l’accesso all’ampia offerta di canali e programmi in HD trasmessi da Hot Bird 13° Est, Astra 19,2° Est e dagli altri satelliti che “popolano” la fascia di Clarke. Il ricevitore Metronic Touch Box 8 supporta qualunque parabola fissa e motorizzata ad eccezione degli LNB e dei multiswitch SCR, opera la scansione di uno o più satelliti con la ricerca Blind Scan, registra i programmi televisivi su chiavette USB, riproduce i file multimediali come foto, musica e video (anche HD) ed è dotato di tutte le funzioni “standard” presenti nei decoder digitali (EPG, Parental Control, ecc.). L’apparecchio si configura in pochi minuti grazie alla procedura guidata passo-passo e può essere posizionato, ovunque, grazie alle dimensioni ridotte (161x47x130 mm) e all’alimentazione diretta da rete (senza trasformatore esterno).

 

Eccellente menu OSD HD

Il menu OSD è quasi identico a quello del modello terrestre Flashbox T2: la grafica ad alta risoluzione e le voci organizzate secondo logica rendono la navigazione semplice e intuitiva. Peccato solo che alcune voci non siano tradotte in italiano.

Le sette icone posizionate sulla parte alta del teleschermo si colorano di giallo quando viene selezionata la corrispondente sezione: Programma, Immagine, Ricerca canali, Ora, Opzione, Sistema, USB.

Tra le varie funzioni e opzioni presenti troviamo quelle per l’editing della lista canali (spostamento, salto, blocco con PIN, cancellazione, cambio nome e copia in una delle quattro liste preferite disponibili), la scelta dell’ordinamento canali per frequenza, codifica, nome servizio, ecc., il setup audio/video (formato, uscita digitale HD/Full HD o analogica SCART CVBS/RGB) e quello dell’impianto satellitare, lo spegnimento automatico (Sleep Timer), la lingua e l’uscita audio digitale PCM/Raw/Raw HDMI, il Parental Control, l’aggiornamento firmware e tutto quello che concerne il PVR ed il Mediaplayer.

 

Compatibile con impianti motorizzati, fissi e centralizzati ma senza SCR

Il ricevitore Metronic Touch Box 8 può essere collegato a qualsiasi parabola fissa, dal semplice mono-feed puntato a 13° Est ai più complessi multi-feed con 16 o 64 LNB grazie alla combinazione dei comandi DiSEqC 1.0 e 1.1. Inoltre, supporta i motori mono-cavo con comando DiSEqC 1.2 e USALS (DiSEqC 1.3) ma non è in grado di gestire i componenti di tipo SCR (UniCable). Ciò significa, ad esempio, che non può essere collegato insieme a un decoder MySky HD quando l’impianto singolo o centralizzato è stato progettato (o successivamente aggiornato) con LNB o Multiswitch SCR. In fase di prima installazione è possibile selezionare i satelliti visibili con il proprio impianto (es. Hot Bird 13° Est e Astra 19,2° Est), configurare il tipo di LNB e le eventuali commutazioni (es. DiSEqC 1.0 o motore) e procedere con la sintonizzazione dei canali. Con i tasti colorati del telecomando possiamo aggiungere un nuovo satellite (o slot orbitale), modificare quelli in elenco (nome, orbita, banda), visualizzare il database dei transponder e personalizzarlo a piacimento (cambio frequenza, SR, polarità, nuovo transponder, ecc.). La barra di qualità del segnale fornisce un’indicazione visiva sul corretto funzionamento della parabola in base ai parametri, ai satelliti e ai transponder selezionati. La scansione può avvenire su uno o più satelliti in sequenza, su un singolo transponder e secondo diverse modalità. Quella automatica permette di utilizzare il database dei transponder o, in alternativa, la Blind Scan (ricerca alla cieca), escludere i canali criptati non visibili con uno zapper come questo, focalizzarsi sui canali TV, Radio oppure su entrambi, estendere la ricerca ai transponder collegati (Rete/Network). Con la ricerca manuale possiamo, invece, memorizzare i canali trasmessi da uno o più transponder (e da quelli collegati - es. bouquet) con le stesse opzioni della scansione automatica (FTA/codificato, TV e/o Radio). In tutti i casi la procedura è intuitiva e piuttosto semplice anche se alcune voci non sono tradotte in italiano.

Durante la scansione “tradizionale”, ossia quella appoggiata sul database dei transponder, il ricevitore Touch Box 8 passa in rassegna tutte le frequenze, mostrandole sullo schermo insieme ad alti dati tecnici (SR, polarità), ai canali TV e radio trovati e alla barra di avanzamento. Se, invece, scegliamo l’opzione Blind Scan, il decoder rileva innanzitutto le frequenze attive (utili per aggiornare o generare il database) e poi prosegue con la ricerca e la memorizzazione dei canali.

Per scegliere rapidamente il canale desiderato basta premere il tasto OK, scorrere l’elenco TV/Radio di uno o più satelliti oppure utilizzare il comodo motore di ricerca (Find - tasto rosso).

 

Guardi e registri due diversi programmi

Come nel modello omologo Flashbox T2, sul pannello frontale è presente una porta USB utile per collegare i dispositivi di memorizzazione come Pen Drive e Hard Disk formattati in FAT32 oppure NTFS. Per i nostri test abbiamo utilizzato sia le chiavette da 8, 16 e 32 GB sia gli hard disk portatili da 2,5” senza riscontrare alcun problema. La funzione principale della porta USB è di abilitare la registrazione di un programma televisivo, in tempo reale con il tasto REC, oppure in base alla programmazione da timer o EPG.

Anche nel Touch Box 8 abbiamo, però, riscontrato gli stessi limiti del modello Flashbox T2, ossia l’impossibilità di variare manualmente la durata della registrazione in tempo reale, di accedere al menu e di effettuare una seconda registrazione in contemporanea. E’, invece, permesso registrare un programma e guardarne un altro trasmesso su un canale differente (purché si trovino sulla stessa frequenza e sullo stesso satellite), bloccare la registrazione in corso per rivedere una scena appena trascorsa (Chase Play), spostarsi liberamente nella porzione registrata e consultare i dati tecnici (finestra Info con l’omonimo tasto - spazio totale/libero disco, file system, dimensioni cluster, nome e dimensione file, spazio e tempo massimo di registrazione, ecc.).

Il Timeshift è disponibile anche durante la normale visione, con lo spazio su disco riservato modificabile da menu da un minimo di 500 MB a un massimo di 4 GB. Per vedere una registrazione bisogna accedere al menu (USB > Multimedia > PVR) e poi selezionarla dall’elenco che appare nella schermata. Ogni singola registrazione (file .mts) prende il nome dal canale, dalla data e dall’orario di creazione. Nella schermata troviamo anche una finestra con l’anteprima video, alcuni dati tecnici (durata, dimensioni in megabyte) e gli strumenti che servono a eliminare o cambiare nome a ogni singola registrazione. Per passare dalla modalità Preview a schermo intero basta premere il tasto rosso, mentre con Info appare una piccola finestra contenente ulteriori dati come la risoluzione video e il frame rate. Le registrazioni avvengono in formato AVCHD e composte da numerosi file con estensione .mts da 512 MB che potremo unire e copiare su PC, riprodurre e convertire in altri formati con i comuni programmi freeware tipo VLC e Format Factory. Ogni singola registrazione “eredita” tutti i servizi aggiuntivi trasmessi insieme al video e all’audio, come le tracce audio multicanale (lingua, Dolby, ecc.), il servizio teletext, la guida EPG, i sottotitoli, ecc.

 

Musica, foto e video in quantità

La seconda importante funzionalità offerta dalla porta USB è associata al player multimediale compatibile con la maggior parte dei formati, codec e container in circolazione: foto JPEG, brani musicali MP3, video MKV, DivX, Avid, AVCHD (M2TS), MOV (catturati con un iPhone), MP4 (girati con smartphone Android oppure scaricati da YouTube). Il ricevitore Metronic Touch Box 8 è compatibile con i filmati HD e Full HD (1080p), anche quelli 3D in formato Side-by-side e Top-bottom. La riproduzione è di ottima qualità, sempre fluida e precisa ma, a volte, il decoder non aggancia subito il corretto rapporto d’aspetto e tende a “riempire” lo schermo falsando la geometria delle immagini.

Gli MP3 sono accompagnati dalle informazioni ID Tag (artista, album, titolo, bitrate, campionamento, ecc.) mentre le foto JPEG sono riproducibili in sequenza (slideshow a sequenza definita o casuale), con colonna sonora di sottofondo e svariati effetti di transizione, ruotate, ingrandite e visualizzate in gruppo (effetto mosaico). Nei video predisposti possiamo anche abilitare i sottotitoli con colore di testo e sfondo personalizzabile, scegliere le tracce audio (lingua o AC3) e ripetere una porzione di filmato (A-B).

 

 

Per informazioni

Metronic Italia - www.metronic.com

Pubblica i tuoi commenti