Test ricevitore Tivùsat ID Digital HD1

Sintonizza tutti i canali di Tivùsat, anche quelli in HD grazie al tuner DVB-S/S2 MPEG-2/4, assicura l’accesso ai servizi on-demand e OTTV, integra un CAS Nagravision e Conax con doppio lettore smart card, supporta la tecnologia SCR, si collega a Internet via Ethernet e può essere installato anche a bordo di camper e caravan.

 

Negli ultimi mesi, Tivùsat ha avviato un progetto di rinnovamento che ha interessato diversi ambiti, dal sito web alle app per smartphone e tablet, dai bollini ai servizi interattivi. Lo scopo è di rendere la piattaforma più comprensibile, appetibile e rispondente alle esigenze dei telespettatori italiani che, per desiderio o necessità, ricevono i canali “terrestri” via satellite.
Nel contempo sono aumentati anche gli apparecchi “certificati”, ovvero i TV e i decoder progettati per garantire la piena compatibilità con i canali e i servizi offerti da Tivùsat e aumentare così il ventaglio di scelta da parte degli utenti. In attesa di scoprire la gamma completa dei decoder Tivùsat grazie alla guida all’acquisto programmata sul prossimo numero, oggi diamo un’occhiata a una delle più recenti “new-entry”, l’ID Digital HD1.
Il ricevitore ID Digital HD1 si affianca al modello SD1 testato qualche tempo fa completando così la famiglia di Tivùbox di ID Digital, brand distribuito in Italia da Mediasat. Nonostante la forte somiglianza estetica, i due decoder sono profondamente differenti dal punto di vista hardware e delle funzionalità. Mentre il modello SD1 adotta un tuner DVB-S e può quindi ricevere solo i canali a definizione standard, il ricevitore HD1 spazia a 360° sull’offerta televisiva di Tivùsat grazie al tuner DVB-S/S2 e ai decoder MPEG-2 e MPEG-4 H.264. E’, presente inoltre, la piattaforma interattiva MHP “broadband” (1.1.3) che, grazie alla connettività Ethernet, garantisce l’accesso ai servizi VOD (Video On Demand) ed agli OTTV (Over The Top TV) come Rai Replay, La7 On Demand, Cubovision e Mediaset Rewind. Dall’SD1 eredita il triplice CAS Nagravision (Tivùsat e altre pay-tv) e Conax con doppio slot smart card, il supporto delle parabole fisse, motorizzate e degli impianti DiSEqC e UniCable/SCR, e il display frontale a LED. Tra i punti di forza del nuovo modello, che come il precedente adotta un hardware progettato e realizzato da Topfield su specifiche ID Digital, troviamo la doppia alimentazione (220 Vac per l’utilizzo in casa e 12 Vcc per camper e caravan), la porta USB dedicata agli aggiornamenti firmware in alternativa all’OTA, il nuovo telecomando dai tasti grandi e comodi, il menu OSD a icone, la procedura di installazione guidata. Manca ancora la certificazione Tivùon! che potrebbe arrivare più avanti con un semplice aggiornamento del firmware.

Menu ben organizzato
L’accesso alle voci del menu avviene cliccando su uno dei riquadri che appaiono nella home page: Prenota, CA Info, Installazione, Canali, Preferenze, Impostazioni. La colorazione blu dei riquadri e l’ingrandimento delle icone e dei testi al momento della selezione, l’organizzazione dei sottomenu e le funzioni associate ai tasti colorati del telecomando assicurano la piena padronanza del decoder.
Dalla sezione Prenota si programmano i timer di avviso per i singoli eventi trasmessi dai canali satellitari (ripetizione singola, tutti i giorni, solo lunedì, ecc.), si consultano e modificano quelli già impostati.
CA Info visualizza i dati tecnici dei CAS integrati e permette di “interrogare” la smart card di TivùSat o di un altro bouquet codificato in Nagravision o Conax.
Installazione configura i componenti dell’antenna parabolica come l’LNB (universale o SCR), le commutazioni DiSEqC (A-B-C-D), il motore DiSEqC 1.2/USALS, l’uscita passante ed esegue la ricerca dei canali.
Canali offre gli strumenti per generare, gestire e richiamare fino a tre liste preferite, completamente personalizzabili per nome e contenuto. E’ possibile anche attivare il blocco di uno o più canali tramite password, cambiare l’ordinamento numerico (solo con LCN disattivata) e cancellarli.
Preferenze protegge con un codice PIN numerico a 4 cifre la visione dei canali e dei programmi per fasce d’età (maggiore di 7, 12, 14 o 18 anni), imposta la durata del banner canale (0, 3, 5, 10 o 15 secondi), la modalità di zapping (generale TV/Radio o singole liste preferite) e il caricamento automatico o manuale delle applicazioni interattive MHP, abilita i sottotitoli, la numerazione automatica LCN e le funzioni di Risparmio Energia (Eco Mode, Veloce Mode e spegnimento automatico dopo 1, 2 o 3 ore di inattività).
Impostazioni regola i parametri audio/video (risoluzione HDMI 1080i/720p/576p/576i, formato schermo, uscita Scart TV RGB/CVBS, uscita audio digitale PCM stereo o Bitstream multicanale, sincronizzazione auto/video - lipsync +/- 0-400ms), imposta la lingua di menu, audio e sottotitoli, configura ed esegue l’aggiornamento dei canali e del firmware in modo manuale oppure automatico con possibilità di definire l’ora e la frequenza dei controlli sia in standby che in attività. Inoltre visualizza le informazioni di sistema (versioni hardware, software, loader, indirizzo MAC Ethernet, ecc.), regola l’orologio, configura l’interfaccia Ethernet (IP automatico/manuale, subnet, gateway, DNS), resetta il decoder riportandolo alle condizioni iniziali e cancella tutti i canali.

Supporto SCR fino a 8 bande
Il nuovo Tivùbox di ID Digital ha il pregio di adattarsi alla maggior parte degli impianti satellitari in circolazione, sia singoli sia centralizzati. Il ricevitore supporta, infatti, qualsiasi tipo di LNB (Universale, Ku, C, monoblocco dual/multi-feed, SCR, ecc.), motore (DiSEqC 1.2 o USALS), switch e multiswitch (DiSEqC 1.0, SCR, ecc.). Grazie al DiSEqC 1.0, l’HD1 può sintonizzare i canali che trasmettono da un massimo di 4 slot satellitari, ad esempio a 23,5° Est, 19,2° Est, 13° Est e 9° Est. Inoltre, può gestire fino a 8 bande SCR corrispondenti alle frequenze di 1210, 1420, 1680, 2040, 1748, 1864, 1980 e 2096 MHz (modificabili a piacimento). Nella sezione Installazione troviamo anche la voce Loopthrough che, teoricamente, dovrebbe permettere di abilitare o disabilitare l’uscita antenna passante (Loop Through) in caso di collegamento di un secondo decoder in cascata come ad esempio il MySky HD. In realtà, però, l’uscita passante si comporta sempre nello stesso modo indipendentemente dallo stato (On/Off), ovvero veicola solo i segnali satellitari che si trovano nella stessa banda e polarità di quello sintonizzato dall’HD1, sia quando quest’ultimo è acceso sia quando è in standby. Il motivo è molto semplice: la voce Loopthrough fa riferimento a una funzione non implementata perché la relativa componentistica elettronica non è presente (vedi descrizione interno).
Le modalità di ricerca dei canali sono molteplici e ricalcano quelle già viste in altri Tivùbox SD e HD.
Ricerca Canali Tivùsat effettua una scansione automatica dei soli transponder occupati dalla piattaforma a partire dalla frequenza “beacon” di 10,992 GHz V occupata dai canali Rai 1, Rai 2, Rai 3, Rai 4, Rai Movie e Rai News 24.
Ricerca Canale permette, invece, di scegliere uno dei satelliti memorizzati, uno o tutti i transponder, il tipo di ricerca (tutti i canali oppure solo quelli in chiaro) e avviare la scansione. Se si sceglie come satellite Hot Bird, è disponibile anche l’opzione Tivù + In Chiaro che effettua la ricerca e la memorizzazione di tutti i canali Tivùsat e degli altri free-to-air in onda a 13° Est.
Durante la scansione, appare sullo schermo l’elenco dei canali TV/radio trovati (con la numerazione sequenziale o LCN), il loro numero e la barra di avanzamento. Al termine è possibile salvarli tutti oppure, spostandosi nell’elenco, eliminare il segno di spunta da quelli che si desidera rifiutare.
Se è attivo l’ordinamento LCN, il salvataggio dei canali avviene in due distinti blocchi di memoria. Il primo (1-999) ospita i canali Tivùsat mentre il secondo (dal 1.000 in poi) tutti gli altri in ordine di frequenza o ricerca.
Per richiamare il canale desiderato si possono utilizzare i tasti P+/P- o freccia su/giù (preselezione), digitare direttamente il numero oppure richiamare sullo schermo l’elenco con il tasto List. Con il tasto Back si può effettuare lo “swap” tra gli ultimi due canali selezionati.

Banner a rotazione, EPG Tivùsat HD
L’elegante banner a rotazione fornisce numerose informazioni sul canale sintonizzato, la programmazione e i servizi disponibili: numero, nome, titolo del programma in onda e successivo con l’orario di inizio/fine, barra di avanzamento, orologio, ecc. Troviamo, inoltre, i riferimenti ai tasti del telecomando per la scelta della traccia audio (giallo), delle liste canali TV/Radio/preferite (verde) e l’accesso ai dettagli sulla programmazione (Info), le indicazioni sui servizi disponibili come App per gli applicativi MHP, Subt per i sottotitoli, Text per il teletext, simbolo Dolby per la traccia audio AC3, ecc. In alto a destra viene replicato il numero e il nome del canale, entrambi di grandi dimensioni per migliorare la leggibilità, mentre a sinistra, in presenza degli applicativi MHP, appare la barra di caricamento.
Con il banner attivo, è possibile scorrere la lista dei canali con i tasti freccia su/giù (preselezione) e richiamare quello desiderato con OK oppure selezionare l’evento in onda successivamente con il tasto freccia destra per programmare automaticamente il timer a scopo di promemoria.
La guida EPG di Tivùsat con grafica HD mostra i palinsesti completi dei principali canali della piattaforma e tutta una serie di opzioni e funzionalità: Info con gli approfondimenti, Stasera con l’offerta del prime-time, Categorie con i filtri per tipologia di programma, Radio con l’offerta radiofonica Rai, +24/-24 per spostarsi al giorno successivo/precedente, ecc. Per gli altri canali esterni alla piattaforma TivùSat, come quelli di Hot Bird, Astra e altri satelliti, le uniche informazioni sulla programmazione si possono attingere dal banner canale e dalla finestra Info.

VOD, OTTV e vetrina Tivùlink
ID Digital HD1 eredita dagli altri decoder con bollino Tivùsat HD la piattaforma interattiva MHP 1.1.3 (profilo broadband) attraverso la quale accedere agli applicativi Video On Demand, OTTV e quelli a supporto di alcuni programmi televisivi e di servizio (news, meteo, ecc.).
Da qualche settimana, sul canale 100 è presente una nuova applicazione chiamata Tivùlink che funge da “vetrina” per tutti i servizi broadband disponibili. Se, fino ad ora, per accedere a questi servizi bisognava sintonizzare il canale che li ospitava (es. Rai 1, 2 o 3 per Rai Replay e TGR oppure La7 per La7 On Demand), ora basta andare su Tivùlink e selezionare l’icona del servizio prescelto. Con i tasti freccia del telecomando si sceglie il gruppo (Tutte le app, Rai, Mediaset, La7) e si naviga tra i servizi desiderati, con OK si effettua l’accesso immediato mentre con il tasto giallo si possono ottenere informazioni sui singoli servizi. Per accedere a Tivùlink e agli altri servizi broadband è obbligatorio connettere il decoder a una linea ADSL/DSL/3G/4G utilizzando un cavo Ethernet o un qualsiasi adattatore disponibile in commercio (Wi-Fi, Power LAN, ecc.).
Il ricevitore ID Digital HD1 supporta tutti i servizi attualmente disponibili su Tivùsat ad eccezione di Premium Play e Infinity, gli unici che richiedono la certificazione Tivùon! per ragioni di protezione dei contenuti. Inoltre, sempre per l’assenza di Tivùon! i contenuti di Mediaset Rewind sono visibili solo a definizione standard.

PER INFORMAZIONI
Mediasat
www.mediasat.com
Tel. 0471 543777

 

Pubblica i tuoi commenti