Tribunale UE favorevole al Calcio in chiaro

9 maggio 2011. L’evento che ha portato alla pronuncia del Tribunale riguarda la compilazione da parte di Belgio e Regno Unito di un elenco degli eventi considerati di particolare rilevanza per la loro rispettiva società, ossia tutti gli incontri della fase finale della Coppa del mondo per la prima e quelli della fase finale della Coppa del mondo e dell’Euro per la seconda. Questi elenchi sono stati inviati alla Commissione, la quale ha stabilito la compatibilità con il diritto dell’Unione. La FIFA e l’UEFA hanno tuttavia impugnato queste decisioni dinanzi al Tribunale contestando il fatto che gli incontri potessero costituire eventi di particolare rilevanza per il pubblico di questi Stati.
Il Tribunale ha precisato che gli incontri “prime” e gli incontri “gala” nonché, per quanto riguarda l’EURO, gli incontri che coinvolgono una squadra nazionale, sono di particolare rilevanza per il pubblico di un determinato Stato membro e possono quindi essere inseriti in un elenco nazionale comprendente gli eventi che questo pubblico deve poter seguire su una televisione gratuita.
Per quanto riguarda gli altri incontri, il Tribunale ha rilevato che queste competizioni possono essere considerate come eventi unici e non come serie di singoli eventi suddivisi in incontri “prime” e “non prime” o in incontri “gala” e “non gala”. Così, ad esempio, i risultati degli incontri “non prime” e “non gala” possono incidere sulla partecipazione delle squadre ai successivi incontri, cosa che può suscitare presso il pubblico un interesse particolare a seguirli.
www.curia.europa.eu

Pubblica i tuoi commenti