Come integrare una parabola nell’impianto del digitale terrestre

Puntare parabola Astra 5B

Alessandro ci dice: "Sul tetto della mia villetta ci sono due antenne terrestri con un amplificatore/miscelatore a palo da cui esce un cavo che arriva in casa. Leggendo i vostri articoli e mi pare di aver capito che, grazie ai miscelatori/demiscelatori, posso aggiungere una parabola senza dover far passare un altro cavo dal tetto all’appartamento. Mi spiegate meglio come devo fare nel mio caso e quali apparecchi devo acquistare? Sono già un po’ esperto di TV satellitare perché ho montato una parabola a casa dei miei genitori e di un amico ma con un cavo dedicato".

Se l’attuale cavo coassiale è in buone condizioni puoi tranquillamente utilizzarlo anche per far transitare i segnali satellitari, visto che utilizzano bande di frequenza diverse da quelle terrestri (950-2.150 MHz per le prime, 5-860 MHz per le seconde) e possono quindi convivere senza disturbarsi a vicenda.

Per poter condividere lo stesso cavo, però, i segnali devono prima essere miscelati e poi demiscelati utilizzando una coppia di miscelatori/demiscelatori TV/SAT (chiamati MIX/DEMIX o Diplexer). In verità, non esiste in commercio un modulo chiamato “miscelatore” e uno “demiscelatore” perché lo stesso modulo può svolgere entrambe le funzioni a seconda di come viene collegato. Basta perciò acquistarne due uguali e rispettare sempre le serigrafie riportate sui connettori F, ovvero MIX/DEMIX, I/O oppure IN/OUT dedicati al cavo coassiale di discesa, TV/TERR (5-860 MHz) e SAT (950-2.150 MHZ).

Il miscelatore installato sul tetto o in soffitta andrà collegato all’LNB della parabola (SAT), al miscelatore terrestre da palo (TV/TERR) e al cavo coassiale già presente che arriva in casa (MIX/DEMIX).

Nel tuo caso bisogna anche tenere conto di un aspetto fondamentale per il corretto funzionamento dell’impianto. La maggior parte dei miscelatori prevede il passaggio di corrente solo sulla presa SAT per consentire al decoder di gestire l’LNB (es.: polarità H/V).

Dal momento che il tuo amplificatore/miscelatore DTT da palo richiede anch’esso una tensione di alimentazione per poter funzionare, devi acquistare un miscelatore dotato di passaggio di corrente anche sulla porta TV (TVcc) come per esempio l’Emme Esse 80267C. In questo caso, non dovrai riutilizzare il vecchio alimentatore perché sarà lo stesso decoder a fornire tensione sia all’LNB che all’amplificatore (massimo 100 mA).

Il demiscelatore (senza bisogno di TVcc) svolgerà l’operazione contraria, ovvero accoglierà i segnali SAT+TERR che transitano attraverso il cavo coassiale (presa MIX/DEMIX) e li separerà (SAT e TV/TERR). Al posto del demiscelatore esterno, da posizionare in una scatola di derivazione, consigliamo di utilizzare le prese antenna dotate di uscite per TV (presa IEC) e SAT (presa F).

Si tratta di una soluzione più pratica e funzionale perché permette di distribuire i canali SAT in tutta la casa senza dover aggiungere altri cavi. Ricordati, però, di sostituire tutte le vecchie prese “solo TV” con le nuove “TV+SAT” poiché avendo installato il miscelatore “a monte”, solo le TV+SAT funzioneranno correttamente.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here