Dopo la Brexit, nel Regno Unito al bando i decoder acquistati nella UE

brexit

Attualmente, i consumatori del Regno Unito possono utilizzare decoder legittimamente acquistati nell'Unione Europea per vedere programmi satellitari che fanno parte delle trasmissioni britanniche. Ma con la Brexit le cose sono destinate a cambiare radicalmente.

Sarà infatti vietato l'uso di decoder per trasmissioni via satellite destinati al pubblico dell'UE per accedere a un programma incluso in una trasmissione effettuata dal Regno Unito con l'intento di evitare una tassa associata al programma. Si tratta di un'estensione di una legge già in vigore per i decoder satellitari destinati a un pubblico non comunitario.

Dalla Brexit, nel Regno Unito sarà necessario smettere di utilizzare decoder satellitari dell'UE per evitare di commettere un reato ai sensi dell'articolo 297. Bisognerà invece prendere in considerazione l'acquisto del relativo pacchetto satellitare dello stesso Regno Unito per vedere i programmi.

Da precisare però che la nuova modifica alla legge non riguarderà coloro che utilizzano i decoder della UE per accedere ai programmi inclusi nelle trasmissioni del Regno Unito per scopi diversi dall'elusione di una tassa. Per esempio, gli stranieri residenti nel Regno Unito che utilizzano decoder destinati al pubblico dell'UE per vedere i programmi nella loro lingua madre non sono, né saranno, soggetti al reato di cui all'articolo 297, a condizione che non vi sia la chiara intenzione di evitare qualsiasi costo associato ai programmi.

Dispositivi illeciti (per esempio, clonati) o destinati all'uso in un altro Paese sono talvolta impiegati per accedere a programmi disponibili attraverso un legittimo servizio di radiodiffusione nel Regno Unito. L'articolo 297 del Copyright, Designs and Patents Act 1988 (CDPA) rende questo reato penale quando viene messo in atto in modo disonesto per evitare di pagare una tassa all'emittente britannica.

Nel 2011 la Corte di giustizia dell'Unione europea ha stabilito che l'articolo 297 non deve essere applicato qualora impedisca a persone nel Regno Unito di utilizzare decoder legittimi destinati a essere utilizzati altrove nell'UE, anche se lo fanno per evitare il pagamento di un canone per il servizio di radiodiffusione del Regno Unito in questione.

Ciò è dovuto al fatto che tale restrizione è incompatibile con la "libertà dei servizi" dell'UE, prevista dal trattato sul funzionamento dell'Unione europea.

Però dopo la Brexit, il Governo non applicherà più le disposizioni sulla libera circolazione dei servizi UE. In virtù di tali modifiche, l'attuale restrizione verrà meno. Per cui diventerà un reato l'uso di decoder per trasmissioni via satellite destinati al pubblico dell'UE per accedere a un programma incluso in una trasmissione effettuata dal Regno Unito con l'intento di evitare una tassa.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here