Eurosat settembre 2020 numero 322

Eurosat settembre 2020 numero 322

Sicuramente tutti, chi più chi meno, siamo stati vittima di problemi legati all’impianto di ricezione satellitare. E forse abbiamo anche chiamato l’antennista, per poi scoprire che si trattava di una cosa che avremmo potuto risolvere intervenendo di persona. Siccome questo tipo di inconvenienti accade con una certa frequenza abbiamo pensato di proporre quelli più comuni, illustrando anche come risolverli. Molti spunti li abbiamo presi dalle richieste che ci inviate. Si tratta di interventi semplici, che richiedono magari un po’ di manualità ma che sono davvero alla portata di tutti.

Dal satellite al digitale terrestre, un argomento verso il quale sta crescendo molto l’interesse dei professionisti visti gli appuntamenti previsti dal percorso che porterà allo switch-off del 2020. Invece, il grande pubblico se ne sta decisamente disinteressando, complice probabilmente il fatto che i quasi due anni di distanza da giugno 2022 fanno rimandare il più in là possibile ogni eventuale decisione. Cosa che è destinata a creare un problema di disponibilità. Infatti, pur non essendoci stime precise, gli operatori del settore TV ritengono che gli apparecchi da aggiornare al DVB-T2 HEVC main 10 siano tra i 10 milioni e i 25-30 milioni. Troppi. Già se si iniziasse oggi ad avere acquisti massicci, considerate le vendite medie annue di TV e decoder, non si riuscirebbe a soddisfare tutte le richieste. Figuriamoci cosa succederà se tutti andranno ad acquistare nuovi prodotti in prossimità dello switch-off.

Torneremo sull’argomento. In questo numero Eurosat, il 322 di settembre 2020, ci limitiamo a parlare di impianti per il digitale terrestre, in particolare di antenne. Infatti, il passaggio al DVB-T2 potrebbe essere l’occasione per verificare lo stato dell’impianto e se non è il caso di cambiare l’antenna con una di nuova generazione. Giacomo Bozzoni ha quindi verificato lo stato dell’arte del settore e ha selezionato alcuni dei prodotti più di rilievo per esaminarli da vicino.

Dall’antenna al TV il passo è breve. Dopo i 55” e i 65”, vediamo cosa offre oggi il mercato in tema di 75”. È un taglio decisamente impegnativo, però è sempre più apprezzato, perché il costo non è più proibitivo. Ecco quindi il meglio delle gamme 2020, ma anche qualche consiglio sui modelli del 2019, che rappresentano un vero affare. Gabriele Marzocchi ci suggerisce poi come fare nel caso volessimo vedere i contenuti di smartphone o tablet sul TV.

Paolo Crespi ci illustra invece cosa vedere nelle uggiose serate autunnali e invernali, selezionando il meglio dai palinsesti di Discovery, Mediaset, Rai e Sky.

La prima pay-TV nazionale sta attraversando un periodo di transizione. All’annuncio della connettività Sky WiFi è corrisposto un riassestamento dell’offerta di canali, che non sembra del tutto concluso. Emanuele Bruno fa il punto della situazione, ipotizzando eventuali scenari futuri.

Sul banco di prova abbiamo messo un nuovo decoder tivùsat 4K di Thomson, un TV LG da 55” NanoCell della gamma 2020 e la soundbar Beosound Stage, la prima prodotta dal prestigioso marchio dell’audio Bang & Olufsen.

Sommario Eurosat settembre 2020 numero 322
Il sommario completo di Eurosat del mese di settembre 2020 numero 322

Buona lettura!
Inviateci le vostre opinioni
redazione.eurosat@newbusinessmedia.it

Sfogliate gratuitamente la rivista.
Per acquistare le COPIE SINGOLE DIGITALI scaricate la app gratuita per il vostro dispositivo.

L'abbonamento annuale alla versione digitale della rivista viene proposto con uno sconto del 50% sul prezzo di listino. Abbonatevi!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here