Intelsat 901 dopo il rifornimento nello spazio riprende il servizio

MRV MEP Intelsat 901

Intelsat 901 è tornato in servizio. Questo grazie all'attracco con il Mission Extension Vehicle (MEV-1) della Northrop Grumman e della consociata dell'azienda, SpaceLogistics, avvenuto lo scorso 25 febbraio. È stata la prima volta che due veicoli spaziali commerciali hanno attraccato in orbita geostazionaria per consentire il trasferimento di carburante e quindi l'estensione della vita utile di Intelsat 901.

Dal rendez-vous di febbraio, il MEV-1 ha assunto la gestione navigazione della navicella combinata, riducendo la sua inclinazione di 1,6° e spostando l'Intelsat 901 nella nuova posizione orbitale. Intelsat ha poi trasferito circa 30 dei suoi clienti commerciali e governativi al satellite il 2 aprile. La transizione del servizio ha richiesto circa sei ore. L'Intelsat 901 è ora operativo nello slot orbitale 332,5° Est e fornisce un servizio completo ai clienti Intelsat.

Intelsat considera i servizi di estensione della vita utile, come quelli consentiti dalla tecnologia MEV, un modo economico ed efficiente per ridurre al minimo le interruzioni del servizio, migliorare la flessibilità complessiva della sua flotta satellitare e supportare meglio le esigenze in evoluzione dei suoi clienti.

Secondo i termini del contratto, Northrop Grumman e SpaceLogistics forniranno cinque anni di servizi di estensione della vita a Intelsat 901 prima di riportare la navicella spaziale in un'orbita finale disattivata. MEV-1 sarà quindi disponibile per fornire ulteriori servizi di estensione della missione per nuovi clienti, tra cui il rialzo dell'orbita, le correzioni di inclinazione e le ispezioni. Intelsat ha già stipulato un contratto con Northrop Grumman per un secondo MEV (MEV-2) per attività di servizio sul satellite Intelsat 1002 nel corso di quest'anno.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here