Qual è la memoria migliore per registrare con il decoder o il TV?

memoria registrare

Carla, una nostra lettrice, ci espone un problema piuttosto diffuso: ha un decoder che consente di registrare i programmi (ha la funzione PVR – personal video recorder) ma è privo di supporto di memoria interno. Ha però una porta USB. Così Carla ci chiede un consiglio su quale dispositivo usare. Anticipiamo che quanto detto per il decoder vale anche per le registrazioni fatte con un TV privo di memoria interna.

Non serve esagerare con la capacità

Se non si è dei "registratori seriali" che ci tengono ad avere un archivio ricco di contenuti, una memoria con capacità di 128 GB è sufficiente a soddisfare la maggior parte delle esigenze. Le soluzioni migliori sono le chiavette (Flash Disk USB) e gli SSD. Nonostante il costo per GB dei tradizionali hard disk meccanici sia sensibilmente inferiore, l’assorbimento richiesto è superiore, anche oltre i 500 mA massimi forniti dalle porte USB, e alla lunga potrebbe danneggiare i circuiti del decoder, a meno di utilizzare una sorgente di alimentazione esterna.

Le chiavette sono disponibili anche in formato “nano”, ideali per i decoder ultra-compatti visto che sporgono dalla presa USB solo pochi millimetri, e in diversi tagli fino a 512 GB. I costi sono molto contenuti, almeno per i tagli più “popolari” come quelli da 32, 64 e 128 GB (10-25 euro – es.: https://amzn.to/34BWCmZ e https://amzn.to/2Kxzrn3).

Meglio 3.1 che 3.0

Anche se la porta USB del decoder supporta solo le specifiche 2.0, consigliamo di acquistare una chiavetta in versione 3.0 o 3.1 così da velocizzare il trasferimento delle registrazioni al PC, così come la copia di foto, musica e video dal PC alla chiavetta se utilizzata anche per il Mediaplayer.

Nella fascia tra i 128 e i 256 GB entrano in gioco anche gli SSD, più veloci ma anche ingombranti. Il prezzo di un SSD economico da 128-256 GB è ormai simile a quello di una chiavetta (20-45 euro – es: https://amzn.to/2WRspfL), ma a questo bisogna aggiungere 8-10 euro per l’acquisto dell’adattatore SATA-USB.

Attenzione alla formattazione

Una volta collegata l’unità di memoria al decoder, per usarla per registrare è necessario formattarla con uno dei file system supportati (vedi manuale d’uso o opzioni del menu). Tra il FAT32 e l’NTFS preferire sempre quest’ultimo poiché permette di superare il limite dei 4 GB per singolo file, utile per non spezzare le registrazioni in diversi file e magari poi doverle unire (non senza difficoltà) in caso di editing per la rimozione degli spazi pubblicitari.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here