Quale decoder compatibile con il nuovo digitale terrestre comprare per il vecchio TV

TS Facile/01 T2HEVC

L’esigenza
Il mio vecchio Tv non sintonizza i canali HD e quindi non è adatto ai prossimi switch-off: vorrei comprare un decoder che mi permetta di farlo senza dover cambiare Tv e che sia funzionante anche dopo il 2022.

La proposta di Eurosat: Zapper DTT HEVC Main 10

COSA FANNO

  • Sintonizzano i canali Tv/Radio che trasmettono in chiaro (gratuiti) sul digitale terrestre, sia in SD che in HD
  • Sono già compatibili con i futuri switch-off (passaggio all’MPEG-4 AVC nel 2021 e al DVB-T2 HEVC nel 2022)
  • I modelli che beneficiano del Bonus TV da 50 euro riservato alle famiglie a basso reddito possono essere acquistati gratuitamente o con un forte sconto sul prezzo di listino
  • Quasi tutti i modelli permettono di registrare i canali Tv/radio (funzione PVR), mettere in pausa un programma televisivo e di riprenderlo successivamente dallo stesso punto (Timeshift), riprodurre foto, musica e video (Mediaplayer) da chiavette di memoria USB
  • Alcuni modelli sono miniaturizzati e talvolta dotati di spina Scart integrata per fissarli e nasconderli dietro al Tv
  • Alcuni modelli sono dotati di telecomando singolo o doppio (semplificato), programmabile per le funzioni Tv (volume, mute, ingresso AV, on/standby, ecc.)
  • Alcuni modelli offrono anche funzionalità “connesse” (es.: IPTV, webradio, meteo, news, mappe, ecc.) con collegamento Ethernet oppure Wi-Fi

COSA NON FANNO 

  • Non decodificano i canali a pagamento come quelli di Sky e quelli erotici (es.: Satisfaction e Sextosenso)
  • Non supportano i servizi interattivi, OTT e VOD in MHP/HbbTV come RaiPlay e Mediaset Play

QUANTO COSTANO

  • Dai 30 ai 60 euro (prezzo indicativo)

Gli zapper terrestri sono la soluzione più economica per vedere i canali radiotelevisivi su quei Tv che non supportano gli standard di trasmissione più recenti (es.: HD MPEG-4). Sono anche adatti a monitor e videoproiettori sprovvisti di sintonizzatore televisivo. Tutti i modelli in vendita sono già compatibili con gli standard e le tecnologie che saranno introdotte nel 2021 e nel 2022 (MPEG-4 AVC, HEVC Main 10 e DVB-T2), in alcuni casi dopo l’aggiornamento rilasciato dal produttore o distributore italiano.

I modelli più essenziali permettono di creare una o più liste preferite, consultare la guida elettronica ai programmi (EPG) con gli eventi trasmessi da uno o più canali nell’arco della giornata o della settimana, bloccare uno o più canali e programmi (per fascia d’età) con un codice PID.

Se si attiva l’apposita opzione, l’ordinamento dei canali segue la numerazione LCN (Logical Channel Numbering) di tipo nazionale, locale e tematica (Rai1, Rai2, Rai3, Rete4, Canale5, ecc.). Eventuali conflitti di numerazione o frequenza, spesso presenti tra le emittenti locali o nelle versioni temporanee o definitive dello stesso canale, possono essere risolti automaticamente dallo stesso decoder oppure manualmente dall’utente che può scegliere quale canale memorizzare in quella determinata posizione.

In molti casi è presente anche la funzione PVR che serve a registrare su chiavette o hard disk USB (esterni) i programmi televisivi, in tempo reale o in seguito a programmazione del timer (anche tramite EPG). Oltre alla funzione PVR sono presenti anche il Timeshift, che “congela” un programma in onda e permette di riprenderlo successivamente dallo stesso punto senza perdere nemmeno una scena, e il Mediaplayer che riproduce i file multimediali (foto JPG/BMP, musica MP3/FLAC, video DivX/MKV/AVI/MP4. Entrambe le funzioni richiedono la presenza di una chiavetta o di un hard disk USB, anche gli stessi già utilizzati per la registrazione.

I modelli più avanzati supportano anche la funzione di Audiodescrizione, ovvero la traccia audio di commento di alcuni programmi trasmessi dalla Rai e dedicata agli spettatori con deficit visivi, i servizi connessi come i canali televisivi e radiofonici che trasmettono in streaming da internet (IPTV e webradio), le mappe stradali/geografiche di Google e i video di YouTube, l’aggiornamento della lista canali anche quando il decoder è spento (standby), la funzione di risintonizzazione automatica con un tasto del telecomando oppure con pochi e semplici passaggi del menu.

Ai telespettatori anziani consigliamo di valutare quei modelli dotati di due telecomandi, entrambi programmabili per comandare anche il Tv (solo volume, ingresso AV, mute e poco altro). Il secondo telecomando è di tipo semplificato, cioè comprende solo i tasti realmente necessari per far funzionare il decoder, più grandi e facilmente riconoscibili anche al buio. Ai puristi dell’estetica consigliamo invece i modelli “mimetizzabili” ultracompatti, dotati di presa HDMI e spesso di una Scart aggiuntiva che, essendo integrata nel corpo del decoder, permette di fissarlo e nasconderlo dietro al Tv.

Suggeriamo inoltre di diffidare dei modelli più vecchi e non più a listino, non sempre compatibili al 100% con i futuri switch-off perché lanciati sul mercato prima della definizione delle specifiche HEVC (Main 10). Chi intende acquistare uno zapper T2 HEVC non presente nella nostra vetrina ed ha diritto al Bonus Tv di 50 euro riservato alle famiglie a basso reddito, deve verificare che sia presente nell’elenco pubblicato sul sito https://bonustv-decoder.mise.gov.it/prodotti_idonei.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here