SAT Expo, destinazione Roma

Marzo 2008. A SAT Expo Europe, che si svolgerà presso la Nuova Fiera di Roma, aree omogenee raggruppate in 4 macrocategorie (satellite ed esplorazione spaziale, applicazioni per il territorio, gli enti locali e le istituzioni, telecomunicazioni e broadcast) mostreranno come dal cielo sia possibile creare reti e connettività integrata, linguaggi di comunicazione duttili e flessibili per realizzare la multicanalità, il controllo del territorio, campi integrati per la tutela e la sicurezza dei sistemi.
Tutte opportunità straordinarie di mercato e commerciali, di implementazione di reti e infrastrutture strategiche di comunicazioni indispensabili alle società complesse e avanzate.

«Abbiamo posizionato SAT Expo, uno dei maggiori Expo-Forum a livello europeo sulle Tlc via satellite - spiega Paolo Dalla Chiara, presidente di SAT Expo - in uno tra i più importanti distretti spaziali italiani, sede dell’ESRIN, dell’ASI (Agenzia Spaziale Italiana), delle organizzazioni spaziali, delle maggiori unità produttive del sistema spazio e oggi del Galileo Test Range. SAT Expo Europe a Roma si presenta come l’unico grande panorama innovativo dei settori delle Tlc avanzate, con i segmenti dell’esplorazione dello spazio, della navigazione e dell’osservazione della Terra, declinate nelle loro prospettive applicative per la sicurezza e la difesa, ma anche del broadcasting, con un’attenzione al mercato sempre più in crescita dell’HD, e delle soluzioni avanzate per la P.A., come quelle realizzate nel campo dell’e-Health».

«Nell’arco di cinquant’anni - prosegue Dalla Chiara - da quando il pianeta si emozionava ai lanci dello Sputnik, sono state generate opportunità sempre più estese di ricerca e business indirizzate a un target in crescente aumento e che coinvolge sia il settore privato sia quello pubblico. Un arco di tempo in cui le applicazioni spaziali sono diventate parte integrante della vita quotidiana, come dimostrano i sistemi di navigazione GPS o la produzione televisiva via satellite. E tutto anche per la capacità e l’intuito di ricercatori e ingegneri italiani».

«Il mondo delle Tlc, delle applicazioni e dei servizi dallo spazio - conclude Dalla Chiara - rimane un settore in continua e inarrestabile trasformazione e il futuro, ormai prossimo, delle missioni marziane, sarà la rampa di lancio di nuove avventure per proseguire un’emozione che non cesserà mai di spegnersi».

Alta definizione e tridimensionalità
Una particolare area della manifestazione sarà dedicata alle nuove tecnologie trasmissive dell’HD e del 3D. L’ESA (Ente Spaziale Europeo), in una sala appositamente attrezzata a forma di cubo e della capienza di 200 persone, proietterà filmati 3D.
Attorno all’area di proiezione sarà attrezzato un set in Alta definizione.  Per i visitatori e gli operatori sarà possibile assistere e partecipare a tutte le fasi di produzione di un video in HD, dalla ripresa, al montaggio, all’editing finale con l’assistenza dei membri dell’HD Forum Italia. L’area, anche per il suo carattere interattivo, sarà un modo per diffondere e rendere più confidenziale la tecnologia HD. SAT Expo Europe 2008 sarà anche un momento di riflessione sul futuro dell’Alta definizione, del suo mercato e degli sviluppi tecnici. Per questo sono previsti seminari formativi e un meeting organizzato da HD Forum Italia, in collaborazione con HD Forum Europe, per mettere a confronto le diverse esperienze europee e lo stato di diffusione dell’HD in Europa.

Dual feed 9+13 e Sipario Italiano
Un focus particolare sarà indirizzato alle particolari prospettive aperte dalla nuova posizione orbitale 9+13 promossa da Eutelsat.

Con l’avvento del doppio feed, che consente di ricevere entrambi gli slot a 9 e 13° Est, è stato di fatto raddoppiato il bouquet dei canali disponibili.
L’obiettivo era di aumentare l’offerta, superando il limite delle capacità di Hot Bird, introducendo una posizione non troppo lontana dai 13 gradi. In questo modo sono state generate ulteriori opportunità di diffusione per i canali regionali e tematici, ma anche banda utile per le trasmissioni HDTV, per la quale esiste già una notevole offerta di televisori, ma ancora pochi programmi.

Il primo risultato di questa iniziativa è stata la nascita del progetto “Sipario Italiano” finalizzato a raggruppare i più importanti network locali collocandoli sui 9°. Una grande opportunità per le Tv di ampliare il proprio bacino potenziale di utenza, elevando il valore dei propri spazi pubblicitari ed espandersi sul territorio con investimenti molto inferiori rispetto a quelli richiesti dalle tecnologie tradizionali.

Il satellite può, inoltre, funzionare anche come backup rispetto alla rete terrestre. Tutto ciò con costi molto contenuti (meno del 50% rispetto a quelli oggi necessari per Hot Bird) e con la possibilità di migliorare la qualità di trasmissione.

Il Convegno
Venerdì 28 e Sabato 29 marzo si terrà il Convegno su “Comunicazione e Geopolitica: la televisione satellitare nell’era delle nuove grandi migrazioni”. Il 2008 è stato dichiarato dalla UE “Anno dell’interculturalità” ed Europa, Asia, Africa sono al centro dei nuovi flussi delle più recenti ondate di migrazioni di massa. Una delle principali differenze con i flussi migratori degli anni precedenti è la presenza costante della televisione, di cui queste popolazioni possono usufruire direttamente in casa propria. Quale ruolo può avere quindi la televisione in questo fenomeno? Può esserle assegnato un ruolo culturale maggiore?

SAT Expo Europe presenterà un convegno che affronta questo tema di grande attualità per l’Europa e per il mondo intero con un approccio multitematico: la tecnica, la sociologia, l’economia, la legislazione, la cultura tra comunicazione e geopolitica. Interventi italiani e internazionali contribuiranno a definire i confini del fenomeno e a delineare possibili scenari di sviluppo.

Nella seconda giornata del convegno, aperto ai contributi delle università e degli esperti di comunicazione, verrà ospitata la quarta edizione dell’incontro delle “ALL NEWS”, i canali tematici di notizie in onda 24 ore su 24, che sarà un ulteriore momento di riflessione sull’informazione interculturale.

La I sessione del Convegno sarà dedicata alle organizzazioni internazionali di broadcasting di Europa, Asia e Africa, a cui parteciperà Lawrence Atiase, CEO African Union of Broadcasting (AUB).
La II sessione sarà focalizzata su “I nuovi progetti per l’integrazione culturale”, in collaborazione con Copeam, International News Conference, Unimed, Università La Sapienza, Università telematica Internazionale Uninettuno, Eurovisioni.
Nella III sessione si parlerà del progetto “Università telematica internazionale Uninettuno”.
La IV sessione vedrà di scena “Il progetto Terramed”.  Sabato 29 marzo, giornata conclusiva di SAT Expo Europe, si terrà il IV incontro internazionale dei canali All News sul tema “Migrazioni e nuove audience interculturali: il ruolo dell’informazione satellitare”, organizzato da Copeam, RaiNews24, Eutelsat.

A SAT Expo Europe sarà inoltre presente Medmatic@ (Expo-Forum sulla Sanità Elettronica), per la sua IV edizione, con un’area rappresentativa della filiera italiana della Sanità elettronica e con workshop dedicati a “Semantica dei contenuti sanitari” e “Application Service Provisioning” in Sanità.

www.satexpo.it

Pubblica i tuoi commenti