Tv regionali, un contributo fondamentale

Marzo 2008. «Superata la fase iniziale in cui è stato necessario dimostrare le potenzialità del progetto abbiamo cominciato a lavorare ad una ristrutturazione dei budget tecnici, spalmando gli investimenti su un periodo di 4 anni e anticipando l'ammortamento di alcune attrezzature.
La base operativa è stata garantita con un anticipo contenuto (nell'ordine del 15%) dei nuovi investimenti previsti. In attesa dei vari nulla-osta abbiamo affittato il transponder, lo spazio sul canale e abbiamo scommesso sull'HD sin dal 2005.
Il traguardo teorico erano le Olimpiadi di Pechino 2008 e questo ci ha consentito di cominciare ad investire e arrivare preparati alla meta con una unità di produzione mobile da 8 telecamere (già largamente utilizzata per eventi musicali e sportivi) e uno studio fisso attrezzato.

Comunque, la difficoltà maggiore è rappresentata dalla gestione in contemporanea di più rivoluzioni tecnologiche: il passaggio da SD ad HD prevede, infatti, la migrazione da supporti come le cassette ai file, quindi dai lettori ai server e come passaggio successivo un forte incremento nella qualità audio surround 5.1, poiché non ha senso vedere immagini 5 volte più definite con un audio che rimane invariato.
La nostra road map prevede in sostanza che per i prossimi 4 anni lavoreremo all'incremento del canale HD suisse per arrivare al 2012 al simulcast SD-HD di tutte le trasmissioni svizzere.
Il simulcast durerà presumibilmente altri 4 anni e prevediamo di spegnere le trasmissioni in SD nel 2015.
Questo percorso è condiviso anche da altre importanti emittenti pubbliche europee.
L'intera infrastruttura del nuovo canale è stata realizzata nel giro di 10 mesi e la SRG SSR ha speso circa 4 milioni di franchi per l'avviamento del canale HD Suisse, e prevede di spendere dai 7 ai 9 milioni l'anno per le produzioni in alta definizione: cifra questa che va considerata un investimento in vista del passaggio definitivo delle reti SRG all'alta definizione, previsto nel 2012».

Pubblica i tuoi commenti