Decoder Linux-embedded DreamBox DB7020HD

In sintesi
Quando si utilizza un apparecchio Dream Multimedia si nota subito la ricerca maniacale dell’eccellenza, a partire dalla confezione e dalla manualistica per arrivare ai piccoli particolari estetici e costruttivi che fanno dei ricevitori tedeschi la punta di diamante della produzione Enigma. Il decoder DB7020 non fa eccezione, anzi, le rafforza: Alta Definizione, doppio tuner plug & play, buona connettività audio-video e, naturalmente connessione di rete wired, a bordo ma anche wireless grazie ad una penna USB fornita in dotazione. Soverchiante la produzione di immagini prodotte dao gruppi di sviluppo esterni al produttore, immagini che aumentano le funzioni utilizzabili, come oramai prassi nei Linux-embedded, semplicemente scaricando da Internet plug-in, add-ons e skins a disposizione dell’utente. La velocità di esecuzione del nuovo DB7020 è ottima, anche grazie a un potente processore e una quantità di memoria superiore a qualsiasi altro modello, anche se non tutta viene utilizzata nelle immagini. Macchina perfetta quindi?
Anche dimenticando per un attimo che la perfezione non esiste non possiamo fare a meno di notare che anche il prezzo al pubblico, come la qualità del prodotto, rispetta la migliore tradizione Dream Multimedia, ed è un prezzo alto in assoluto che limiterà probabilmente la penetrazione di questo ricevitore nella case italiane.

Giugno 2012
Sono molti gli smartphone di alta qualità ma c’è un solo iPhone; sono molti gli orologi eccellenti ma c’è un solo Rolex e sono molti i ricevitori validi ma c’è un solo DreamBox. Il motivo di questo successo va oltre le oggettive qualità dei prodotti Dream Multimedia e parte da molto lontano, dai tempi in cui un produttore ha avuto il coraggio di implementare Linux sui propri ricevitori, mettendo a disposizione le proprie conoscenze ed esperienze così da permettere alla nascente comunità di Internet di condividere debug e sviluppo, dando vita a svariati team di beta-tester, forti (ed è un paradosso) di avere sempre avuto a disposizione immagini firmware imperfette da poter testare e correggere. Se analizziamo questo aspetto troveremo delle macroscopiche incongruenze: da un lato il produttore non garantisce la qualità del prodotto a livello di firmware, dall’altro gli appassionati si dimostrano ben lieti di contribuire alla correzione dei difetti che non dovrebbero essere presenti in un prodotto finito. Una tacita intesa, mirata ad un bene finale: un ricevitore con prestazioni superiori, “customizzabile” secondo le esigenze di ciascuno. Un processo in atto ormai da molto tempo, tant’è che oggi i ricevitori della Dream Multimedia si possono considerare pressoché privi di difetti a livello firmware e continuano a beneficiare degli incessanti miglioramenti apportati dai molti sviluppatori esterni coinvolti, divisi in svariati gruppi di lavoro dai nomi altisonanti. Solo una cosa è rimasta immutata, la capacità di sfornare immagini e contenuti aggiuntivi di gran lunga più performanti del firmware originale, caratteristica che, come sostenuto più volte, è il vero valore aggiunto dei ricevitori Enigma-based.

Efficace presentazione
Già la confezione testimonia la qualità e il livello del prodotto: il decoder DM 7020HD è contenuto nel classico cartone nero lucido sul quale spicca il logo del produttore. La dotazione è ricca, adeguata alla classe dell’apparecchio: telecomando e relative pile, cavo di rete, cavo HDMI, viti e distanziali per il montaggio di un hard-disk interno, e ancora una pennina USB per la connessione di rete WiFi, utilissima per evitare di acquistarne una non compatibile. Ogni particolare è avvolto singolarmente nella plastica con scrupolosa attenzione: si dice spesso che la prima impressione è quella che conta e l’impressione in questo caso è ottima.

PER INFORMAZIONI
Cesarex
http://www.cesarex.com
Tel. 081 8032493

Vuoi scaricare gratuitamente il test in formato pdf:
http://www.01net.it/01NET/Photo_Library/975/eur233_DreamBox_DB7020HD_pdf.pdf

Pubblica i tuoi commenti