Decoder SAT – Canali doppioni dopo ricerca Blind Scan

Se effettuo una scansione con il mio decoder utilizzando la ricerca Blind Scan vengono rilevate parecchie frequenze già presenti in memoria ma con qualche MHz in più o in meno (es. 10,770 e 10,772) o con diversi parametri (SR 27500 e 27499). Perché mai? Esiste un trucco per eliminare in automatico i doppioni invece di cancellarli manualmente?

Luigi R.

Le frequenze riportate nel database dei transponder si riferiscono solitamente a quella ufficialmente utilizzata dall’operatore e possono differire di qualche megahertz rispetto a quella rilevata dall’LNB a causa di un leggero e inevitabile scostamento dell’oscillatore locale o del tuner del decoder. Durante la ricerca tradizionale, nonostante questo scostamento, il decoder riesce comunque ad agganciare il segnale e a sintonizzare i canali contenuti nel multiplex a patto che lo scostamento non ecceda la larghezza di banda del transponder diviso 2. In sostanza, se il transponder è da 36 MHz, il decoder proverà a verificare la presenza del segnale a ± 18 MHz rispetto alla frequenze del centro banda (per un transponder a 12,030 GHz sarà esaminato l’intervallo 12,012÷12,048 GHz). La Blind Scan, invece, riesce a rilevare la frequenza esatta delle portante e, se non combacia con quella presente nel database, la considera come nuova e la aggiunge all’elenco. Nel suo caso, bisogna senza dubbio preferire il rilevamento diretto effettuato dalla Blind Scan rispetto ai dati inseriti nel database perché tengono conto degli scostamenti presenti nel suo impianto e delle novità non presenti al momento della compilazione del database (che, di solito, combacia con la data dell’aggiornamento firmware). Onde evitare eventuali duplicazioni di frequenze, le suggeriamo di cancellare interamente il database delle frequenze del transponder che si vuole esaminare prima di avviare la Blind Scan. Eventuali frequenze assenti potranno essere aggiunte manualmente utilizzando i dati riportati nelle tabelle digitali che pubblichiamo tutti i mesi.

Pubblica i tuoi commenti