Test: commutatore HDMI Cobra HD-411R

Un dispositivo utile quando le prese HDMI del televisore sono insufficienti a collegare varie sorgenti come lettore Blu-ray, console videogiochi, decoder MySkyHD e Box DTT HD. Il commutatore HDMI Cobra permette di gestire fino a 4 apparecchi attraverso una sola uscita HDMI

 

Negli anni ’80 e ’90, tutti i televisori erano dotati di una o due prese Scart, anche tre nei modelli più costosi più che sufficienti per collegare tutte le sorgenti utilizzate a quel tempo, ossia VCR, decoder satellitari e console videogiochi di prima generazione. Con l’arrivo del DVD player e del Decoder terrestre, ci si è resi presto conto che le Scart non bastavano più: sono nate così le prime “ciabatte Scart”, quelle con le pulsantiere meccaniche o digitali che permettevano di commutare più ingressi su una sola uscita e garantire la funzione di “loop-through” tra VCR, DVD e TV per la registrazione e la visione delle videocassette e dei dischi. Con l’inizio della “rivoluzione digitale” e la comparsa della porta HDMI e il conseguenti declino della Scart, la questione si sta riproponendo ancora una volta. Se fino a qualche anno fa, una o due porte HDMI potevano bastare, ora non sono più sufficienti, perché le sorgenti digitali HD utilizzate in salotto e che fanno uso di questo standard sono sempre più numerose. Basti solo pensare al decoder MySkyHD, al box interattivo DTT HD, a quello di TivùSat sempre in HD, alle consolle di terza e quarta generazione, ai Mediacenter, ai box Android TV ed agli adattatori Miracast come Chromecast e affini. Anche i televisori più costosi non sono, però, in grado di gestire tutte queste sorgenti ed è necessario perciò appoggiarsi a commutatori di nuova generazione che si ispirano alle vecchie “ciabatte Scart”, garantendo la qualità audio/video e le funzionalità tipiche dello standard digitale HDMI.

Switch “intelligenti” e raffinati
Questi commutatori, chiamati anche “selettori” o “switch”, sono dotati di 2-4-8-16 ingressi per altrettanti apparecchi e 1-2 uscite per TV, monitor e videoproiettori. Non vanno confusi con le matrici HDMI che “instradano” uno o più ingressi verso una o più uscite, oppure con i distributori HDMI che replicano una sorgente su più uscite. Gli switch sono apparecchi decisamente più “intelligenti” e sofisticati rispetto alle vecchie ciabatte Scart, non solo perché trattano segnali audio e video digitali ma soprattutto perché devono garantire la stessa qualità di un collegamento diretto cavo-cavo, le stesse caratteristiche (ad esempio il formato Full HD 1080p) e funzionalità come l’HDCP che spiegheremo in dettaglio più avanti.
Oggi esaminiamo da vicino un selettore HDMI realizzato da Cobra, più precisamente il modello HD-411R. Il dispositivo è dotato di 4 ingressi, un’uscita e di un doppio sistema di commutazione per facilitare la scelta della sorgente. Sia gli ingressi sia l’uscita supportano tutti i formati video fino al Full HD 1080p a 60 Hz e il 4Kx2K (4096x2160 pixel) a 24 fps/30 Hz, anche in 3D, e quelli audio “lossy” e “lossless” come Dolby Digital, Dolby Digital Plus, Dolby TrueHD, DTS, DTS-ES, DTS HD-Master Audio ecc.

Commutazione automatica o manuale
La commutazione degli ingressi dello switch Cobra può avvenire sia manualmente sia in modo automatico. Nel primo caso basta premere una o più volte l’unico tasto del pannello frontale oppure quelli corrispondenti all’ingresso desiderato (es. 1 per Blu-ray player, 2 per MySkyHD, 3 per altro decoder HD, 4 per Console) sul telecomando in dotazione. Nel secondo caso, lo switch è in grado di percepire se una o più apparecchiature sorgenti sono accese e di commutare automaticamente l’ingresso corrispondente dopo una rapida scansione sequenziale. Ovviamente, la selezione automatica garantisce i migliori risultati se si ha l’accortezza di spegnere (basta lo standby) le apparecchiature non utilizzate.

Amplificatore digitale a larga banda
Oltre ai circuiti di commutazione, lo switch Cobra integra un amplificatore digitale allo scopo di ripristinare il livello e le caratteristiche dei segnali HDMI in ingresso, cioè di equalizzarli, dopo l’operazione di commutazione. Questo amplificatore garantisce una banda passante (data-rate) di 6,75 Gbps riuscendo così a supportare i segnali video a 1080p in DeepColor, anche 3D fino a 24 fps e quelli audio senza compressione (lossless). Tutte le porte HDMI supportano le specifiche HDMI 1.4 ad eccezione dell’ARC (Audio Return Channel) e dell’HEC (HDMI Ethernet Channel) al fine di sfruttare la bidirezionalità dei segnali audio (es. Tv < > sintoampli Home Cinema) e la connettività di rete via HDMI.

Protocollo HDCP 1.2 per una trasmissione “sicura”
L’HDCP (acronimo di High-Bandwidth Digital Content Protection) è un sistema di protezione DRM progettato per i formati video digitali in Alta Definizione (come il Blu-ray Disc e le trasmissioni DVB) e implementato nelle connessioni digitali come il DVI e l’HDMI.
Questo protocollo codifica i flussi audio e video trasferiti dalla sorgente al display, evitando che durante il tragitto possano essere “rubati”, cioè copiati senza autorizzazione (perché protetti da copyright).
Tutte le porte HDMI del commutatore Cobra supportano la versione 1.2 del sistema HDCP e sono quindi in grado di preservare il processo di autenticazione che sta alla base del sistema: operazione fondamentale per garantire la visione dei contenuti criptati come le trasmissioni di MySky HD o di un film in Blu-ray.

 

PER INFORMAZIONI
www.cobraspa.eu

Pubblica i tuoi commenti