Test decoder: Line@Tech DTT BOX New York PVR

Il ricevitore è l’evoluzione del modello New York testato lo scorso anno e indirizzato a chi cerca uno zapper di “primo prezzo” senza rinunciare alla registrazione dei programmi e alla funzione Timeshift.

Solitamente chi cerca un decoder DTT per “digitalizzare” il vecchio televisore analogico concentra la propria attenzione sul prezzo tralasciando tutti gli altri dettagli. Si tratta, perlopiù, di utenti poco esperti e disinteressati alle nuove tecnologie, che si accontentano di guardare i programmi digitali e niente di più. A questa tipologia di utenti, Nord Est propone diverse soluzioni marchiate Line@Tech come l’entry-level New York testato lo scorso anno e ancora a catalogo. Numerosi sono anche i consumatori che, pur volendo spendere il minimo possibile, desiderano qualcosa in più, come ad esempio il PVR per registrare, magari solo sporadicamente, un programma televisivo durante la loro assenza. In questo caso, la soluzione proposta da Nord Est è siglata New York PVR, evoluzione del “vecchio” New York con cui condivide il progetto di base: niente fronzoli, massima praticità e “primo prezzo”. Con appena 5 euro in più, permette di registrare il programma voluto su chiavette o hard disk USB rinunciando (secondo noi giustamente) a una delle due SCART. Cambia anche la forma, più compatta e “cicciotta”, ma non l’esperienza d’uso che permette di programmare il decoder e governare tutte le funzioni disponibili senza alcuna difficoltà.
Ritroviamo poi il Mediaplayer compatibile JPEG, MP3 e MPEG-2, otto liste preferite per accogliere i canali più visti oppure suddivisi per genere evitando di scorrere la lista generale, lo standby automatico per spegnere il decoder se inutilizzato per oltre tre ore, la tele-alimentazione per antenne attive, il Parental Control per proteggere con una password non solo i canali e i programmi ma anche l’accesso al menu e il timer per avviare automaticamente la registrazione in caso di assenza. Il parco connessioni prevede anche l’uscita audio S/PDIF dedicata ad impianti audio separati come sistemi Hi-Fi, Home Theater e Soundbar.

Menu accurato, tutto sotto controllo
Il menu OSD della nuova versione PVR è ancora più pratico e semplice, soprattutto in fase di auto-installazione iniziale. La grafica della schermata principale è trasparente, con le icone dedicate alle sezioni principali - Canale, Installazione, Impostazioni, Strumenti, Media+ - visibili in sovrimpressione alle immagini televisive e la barra di menu che indica le funzioni associate ai tasti di navigazione del telecomando.
Canale contiene le liste dei canali TV/Radio, i tradizionali strumenti di gestione (blocco, salto, cancellazione, cambio nome, ordinamento, ecc.) e quello che permette di personalizzare fino a 8 liste dove copiare i canali desiderati (più visti, sport, cinema, notizie, bambini, ecc.). E’ disponibile anche un motore di ricerca e la funzione per eliminare in un sol colpo tutti i canali oppure solo quelli preferiti e i gruppi.
Installazione, opera la ricerca automatica e manuale dei multiplex digitali, verifica il corretto funzionamento dell’impianto antenna tramite le barre di livello e qualità del segnale su un canale VHF/UHF a scelta, attiva la tensione di 5 Vcc sulla presa RF IN per alimentare antenne portatili di tipo attivo o amplificatori di segnale e abilita l’uscita antenna passante sulla presa RF OUT per il collegamento di altre apparecchiature con sintonizzatore DVB-T.
Impostazioni, configura la lingua del menu, l’uscita video SCART (standard, formato immagine, segnale CVBS/RGB), il Paese per la canalizzazione VHF/UHF, l’orologio e il datario con regolazioni automatiche oppure in base al fuso. Inoltre, attiva l’ordinamento LCN, programma i timer (8 eventi da utilizzare come promemoria o per la registrazione), attiva lo sleep timer e/o lo standby automatico per spegnere il decoder dopo 10-30-60-90-120 minuti oppure dopo 180 minuti in caso di inutilizzo, mostra i sottotitoli, regola la trasparenza dei sottomenu, ripristina le impostazioni OSD predefinite e protegge con un PIN l’accesso ai canali (blocco totale), ai programmi (per fascia d’età) e al menu.
Strumenti, mostra le informazioni di sistema (versioni ricevitore, software e data ultimo aggiornamento), ospita i videogame Tetris, Snake e Othello, aggiorna il firmware del decoder via USB e ripristina le impostazioni di fabbrica.
Media+ attiva il lettore multimediale, mostra le informazioni sulla chiavetta o l’hard disk USB collegati (partizione, file system, spazio totale/libero/usato, spazio dedicato al Timeshift e disponibile per la registrazione), imposta la partizione da utilizzare, la durata del Timeshift (10…60 minuti), il tipo di registrazione (TS o PS) e l’azione da compiere al termine di una registrazione programmata (decoder in standby oppure acceso). Inoltre, permette di formattare e disabilitare il dispositivo USB in caso di rimozione.

Sintonia manuale e automatica con “filtro pay”
Il sintonizzatore DVB-T esamina le bande VHF e UHF passo passo oppure una singola frequenza (o canale corrispondente).
La scansione automatica consente di eliminare o mantenere l’elenco precedentemente memorizzato e di escludere i canali criptati per evitare di intasare la memoria (Modo di Ricerca: Liberi). La scansione manuale è arricchita dalla presenza delle barre di livello (intensità) e qualità di segnale per una verifica diretta della corretta ricezione dei segnali da parte dell’antenna, e dalla possibilità di specificare il canale da esaminare (es. 38) oppure la sua frequenza (610 MHz) e la larghezza di banda (7 MHz VHF oppure 8 MHz UHF).
Durante la ricerca, lenta ma precisa, una finestra mostra in diversi riquadri la banda attiva (VHF/UHF) e il relativo intervallo di frequenza, la frequenza esaminata e il canale associato, i parametri di costellazione (es. 16QAM), modalità FFT e intervallo di guardia. In basso è visibile la barra di progresso con il dato in % mentre in alto sono elencati i canali TV e radio memorizzati con a lato il simbolo $ se codificati. Eventuali conflitti di numerazione LCN sono risolti automaticamente.
L’accesso ai canali memorizzati avviene con i tasti freccia Su/Giù del comando multidirezionale e CH+/CH- (zapping), digitando il numero sul telecomando oppure selezionando quello desiderato dalla lista che appare sullo schermo premendo OK e contenente le stesse informazioni e gli strumenti già visti nella sezione Canale.

EPG con prenotazione delle registrazioni
Il banner canale ospita le informazioni essenziali sul canale sintonizzato e la sua programmazione come il numero, il nome, il titolo dell’evento in onda e successivo con gli orari di inizio e di fine. Sulla parte destra troviamo anche l’orologio, il datario e le icone relative ai servizi teletext, audio, ecc.
Il tasto Info fa apparire altre due finestre con gli approfondimenti sul programma in onda (età minima consigliata, trama, protagonisti, ecc.) e i parametri tecnici della trasmissione (frequenza, FFT, modulazione, intervallo di guardia, FEC, codici PID, offset) con le barre di intensità e qualità del segnale.
La guida EPG mostra le informazioni sull’evento attuale/successivo, gli approfondimenti e, per alcuni canali (La7, MTV, Real Time, ecc.) anche il palinsesto settimanale. Con il tasto REC si prenota la registrazione di un evento futuro (confermata da un pallino rosso) mentre con “1” appare la lista delle prenotazioni già effettuate.

Registrazione istantanea, programmata e Timeshift
La funzione PVR introdotta in questo nuovo modello è pratica e ricca di opzioni. Si abilita semplicemente collegando una chiavetta o un hard disk formattati in FAT/FAT32/NTFS alla porta USB che si trova sul fianco destro. Gli hard disk autoalimentati vengono riconosciuti ma la corrente erogata dalla porta USB si dimostra spesso insufficiente, causando continui riavvii e messaggi di errore. Si possono effettuare due tipi diversi di registrazione: istantanea (OTR) e programmata. Nel primo caso basta scegliere il canale desiderato, premere il tasto REC ed eventualmente modificare la durata predefinita (2 ore) al termine della quale la registrazione s’interrompe automaticamente. La registrazione programmata si prenota da timer o da EPG come abbiamo appena visto e permette, una volta terminata, di spegnere il decoder oppure lasciarlo acceso.
Il banner che appare durante la registrazione mostra il tempo trascorso rispetto al totale, la modalità impostata (TS o PS), la percentuale di spazio libero su disco ed altri dati relativi al canale (numero, nome, titolo evento). Non è possibile cambiare canale durante la registrazione, nemmeno all’interno dello stesso mux, mentre è consentito accedere al menu, guardare una foto, un video oppure una vecchia registrazione.
Il Timeshift è attivo solo durante la visione e permette di bloccare il programma tutte le volte desiderate, fino a un massimo di un’ora rispetto alla messa in onda “live”. I tasti REV e FWD permettono di rivedere una scena (replay) e riallinearsi al punto live, Exit “spegne” il Timeshift mentre il banner informativo, simile a quello della registrazione, mostra lo scostamento della differita in formato grafico (barra colorata) e numerico (ore/minuti/secondi).
La lista delle registrazioni è accessibile con il tasto File (riproduzione rapida) oppure dal sottomenu Gestione delle registrazioni (Media+) con alcuni dati aggiuntivi come la durata, lo spazio occupato in MB, la modalità di registrazione, l’anteprima video. Con i tasti numerici possiamo proteggere la registrazione con un PIN, cancellarla, rinominarla o visualizzare gli approfondimenti forniti dalla guida EPG.
Ogni singola registrazione può essere rinominata, cancellata ed esportata su PC semplicemente copiando il file con estensione .DVR (modalità TS) oppure .MPG (PS). Mentre quest’ultimo è “digeribile” da qualsiasi player gratuito come Media Player Home Cinema e VLC, il formato DVR risulta decisamente più ostico. E’ tuttavia possibile effettuare rapidamente una conversione in altri formati/codec (es. AVI, DivX, Xvid, ecc.) utilizzando Format Factory, altro freeware che non dovrebbe mai mancare su un PC Windows.

Foto, musica e video ma solo in MPEG-2
Il lettore multimediale è identico a quello del precedente modello. Riproduce video MPEG-2 (no DivX, né altri formati basati sull’MPEG-4), foto JPEG e brani musicali MP3. La scelta dei file, memorizzati anche in questo caso su una chiavetta o un hard disk USB, avviene scorrendo con il comando multidirezionale l’elenco che appare sullo schermo. Le immagini, visualizzate anche in anteprima con i dati di scatto (nome file, risoluzione, formato, spazio occupato), possono essere ordinate per nome, ruotate, zoommate, riprodotte in sequenza (slideshow) a cadenza regolabile con vari effetti di transizione e ripetizione singola o multipla (cartella). Possiamo anche creare una playlist con le foto preferite. Le funzioni di ordinamento, playlist e ripetizione sono disponibili anche per gli MP3 e i video MPEG-2.

PER INFORMAZIONI
Nord Est
www.nordestsnc.com
Tel. 0421 210527

Vuoi scaricare gratuitamente il test in formato pdf

Allegato

Pubblica i tuoi commenti