TV LCD – Mindtouch 2, lo smemorato

Ho acquistato da pochi giorni il TV LCD tascabile MindTech Mindtouch 2 e mi sono subito accorto di alcuni malfunzionamenti. Il problema dei canali VHF segnalato nel vostro test non ho potuto verificarlo perché nella mia zona non vi sono mux in questa banda. Invece ho notato che non memorizza i canali dopo la ricerca perché, spegnendolo, alla successiva riaccensione si ritrovano solo pochi canali memorizzati. Altro inconveniente, spesso alla richiesta di up o down canale si spegne e riaccende. Ma il problema più grande è che finora non sono riuscito a trovare chi deve prestare l’assistenza di questo apparecchio. Potreste aiutarmi? Sapete se è stato rilasciato qualche aggiornamento software? Distinti saluti.

Giuseppe P.

In occasione del test del MindTouch 2, pubblicato sul numero 216 (gennaio 2011) e visibile on-line su  www.eurosat-online.it/articoli/0,1254,39_ART_7655,00.html, avevamo segnalato sia l’impossibilità di scansionare la banda VHF sia il problema della perdita dei canali memorizzati quando si spegne e riaccende l’apparecchio con il tasto On/Off. Il difetto potrebbe dipendere da uno o più multiplex rilevati dal Tv durante la scansione, oppure da un conflitto di numerazione LCN che il firmware “bacato” non riesce a risolvere. Se s’interrompe la scansione prima del mux “anomalo” (dai nostri test intorno ai canali 50-55 UHF) o si cambia Regione (Germania) escludendo quindi la numerazione LCN, il decoder mantiene correttamente in memoria i canali trovati fino a quel momento anche dopo successivi accensioni e spegnimenti. Sfortunatamente, pochi mesi dopo il lancio del prodotto, la Altec, società di Desio (MB) detentrice del marchio MindTech, ha cessato l’attività e non ha potuto correggere il firmware in base alle nostre segnalazioni. Nessun centro di assistenza autorizzato, anche se fosse ancora attivo e disponibile, potrebbe quindi risolvere i bachi di questo Pocket TV.
Il nostro consiglio è di restituirlo al rivenditore dal quale lo ha acquistato, segnalando i difetti e l’impossibilità di riparazione a causa della cessata attività del distributore.

Pubblica i tuoi commenti